Vaccino, ci siamo: Pfizer trova l’accordo con la Food and Drug Administration

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:00

La Food and Drug Administration americana ha dato il via libera per la produzione del vaccino di Pfizer e BioNTech, contro il Covid-19. È stata avviata la procedura di emergenza per procedere con i lavori per l’antidoto.

vaccino covid meteoweek
Si parte con la produzione su larga scala del primo vaccino anti-Covid – meteoweek.com

Arriva la prima importante svolta per quanto riguarda la produzione del vaccino che possa annullare il Covid-19. La notizia arriva direttamente dagli Stati Uniti, dove la Food and Drug Administration ha dato il via libera alla produzione in stato di emergenza del prodotto sviluppato dagli americani di Pfizer insieme alla tedesca BioNTech. È stata la stessa società statunitense a richiedere l’autorizzazione alla FDA per la produzione del vaccino in forma accelerata. In questo modo, Pfizer potrebbe addirittura dare il via libera alla diffusione del suo prodotto già nel mese di dicembre.

Pfizer, insieme al suo partner BioNTech, ha annunciato a metà settimana che il vaccino prodotto ha una percentuale di validità del 95%. Inoltre questo antidoto contro il Covid-19 funziona in maniera molto efficace sulle persone anziane e anche su quelle in condizioni precarie. Un altro vaccino, quello prodotto da Moderna con tecnologie simili a quelle usate da Pfizer, ha invece un’efficacia annunciata del 94,5%. La stessa compagnia si aspetta che, così com’è avvenuto per il primo antidoto, arrivi anche in questo caso l’autorizzazione d’emergenza per la produzione.

 

I due vaccini sono accomunati dall’utilizzo di una versione sintetica di materiale, chiamato mRNA, del materiale genetico del coronavirus. In questo modo vengono riprodotte diverse copie di cellule umane colpite dal virus. L’autorizzazione di emergenza potrebbe consentire a un numero – comunque limitato – di persone di accedere ai vaccini prima che la Food and Drug Administration completi il processo di durata mensile di studio del prodotto. In ogni caso, gli ufficiali delle due agenzie hanno svelato nuove linee guida che svelano l’ulteriore efficacia dei propri prodotti.

Leggi anche -> Coronavirus, in arrivo il patentino per utilizzare il vaccino

Leggi anche -> Crisanti su vaccino anti Covid: non lo farei a gennaio, voglio certezza sia efficace, no a scorciatoie

In un videomessaggio il direttore esecutivo di Pfizer Albert Bourla ha parlato di giorno storico per la sua società. E ha aggiunto: “È con grandissimo orgoglio e altrettanta gioia, ma anche con un po’ di sollievo, che posso dire che la nostra richiesta per l’utilizzo in emergenza del nostro vaccino contro il Covid-19 sia finita ora tra le mani dei dirigenti della Food And Drug Administration“. Ricordiamo che il vaccino di Pfizer, così come Moderna, è stato somministrato alle prime cavie umane lo scorso 27 luglio. Si tratta di due prodotti che fanno parte del programma Warp Speed avviato dal Governo, che prevede un pacchetto di sei vaccini.


Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Se i due vaccini verranno autorizzati dalla FDA, entro la fine dell’anno potranno esserci dosi sufficienti per circa 20 milioni di americani. I primi ad averne accesso saranno gli infermieri e gli operatori sanitari. Queste due categorie ammontano proprio alla cifra delle 20 milioni di persone che potrebbero avere accesso ai due vaccini. Sia Pfizer che Moderna hanno raggiunto l’accordo affinchè i vaccini siano gratuiti per gli americani. Inoltre è stato reso noto un altro dato molto importante: il 99% degli infermieri e degli operatori sanitari si sono detti disponibili a farsi somministrare il vaccino.