Covid, picco di contagiosità nei primi 5 giorni: dopo 9 cala il rischio infezione

Secondo uno studio britannico, il picco di contagiosità al Covid-19 ricadrebbe entro i primi cinque giorni dall’infezione. Passato il nono giorno pare che i pazienti non siano più contagiosi.

covid contagiosità - meteoweek.com
foto di repertorio, via Getty Images – Covid e picco di contagiosità

Come avevamo riportato un paio di giorni fa, secondo quanto emerso da uno studio americano condiviso dai Cdc statunitensi, il più della metà dei contagi da Covid-19 avverrebbe attraverso gli individui asintomatici – “si stima siano responsabili più del 50% delle trasmissioni“, si legge nel comunicato ufficiale. Chiaramente, però, a trasmettere l’infezione sono anche coloro che mostrano i sintomici tipici della malattia, e in questo frangente sono stati rilevati nuovi dati in merito alla carica virale degli individui positivi.

Picco di contagiosità entro i primi 5 giorni

Come spiegato da uno studio britannico pubblicato su Lancet Microbe, basato su una revisione di 79 ricerche precedenti, i pazienti Covid-19 sintomatici sarebbero molto più contagiosi nei primi cinque giorni di sintomi, mentre molto difficilmente restano infettivi oltre il nono. Dalla ricerca è emerso che il virus è in grado di riprodursi fino a nove giorni dopo il primo contatto con l’agente infetto (e quindi dell’infezione), con un picco entro il quinto giorno. I frammenti inattivi dell’Rna virale, invece, rimangono ancora presenti nel naso o nella gola fino anche a 17 giorni dopo lo sviluppo dei sintomi – segnale, questo, che mostra come la grande maggioranza dei pazienti non sia più contagiosa.


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE


Come racconta Muge Cevik, dell’University of St Andrews, ai giornalisti della BBC, “questo conferma che i pazienti sono molto più contagiosi all’inizio della malattia, come tra l’altro virne confermato anche gli studi sul contact tracing. Bisogna supportare i pazienti per essere sicuri che siano isolati non appena mostrano i sintomi, anche se di lieve entità. Nel momento in cui si ottiene il risultato del tampone, infatti, potrebbero aver addirittura superato la fase più infettiva”.


Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Lo studio britannico non ha esaminato le persone asintomatiche, ma gli autori avvertono che altre ricerche hanno dimostrato come le persone possono essere contagiose anche diversi giorni prima di manifestare i sintomi (i pazienti cosidetti pre-sintomatici) e possono trasmettere il virus inconsapevolmente a coloro che hanno intorno o con i quali interagiscono. Fondamentale, in questo senso, non soltanto l’uso della mascherina e dell’igiene delle mani, ma anche che tutti coloro che mostrano della sintomatologia riconducibile al Covid-19 rimangano a casa per almeno 10 ed effettuino i dovuti test.