Ristori bis, quasi un artigiano su due attende ancora il contributo

Il 40% degli addetti ai lavori nel settore dell’artigianato non ha ricevuto il denaro derivante dal Decreto Ristori bis. Il rallentamento dell’erogazione del fondo è dovuto all’avviamento di nuove pratiche burocratiche.

decreto ristori bis meteoweek
La pioggia di soldi non è ancora partita del tutto – meteoweek.com

Il Decreto Ristori bis sta andando avanti, ma non nel verso che gli esperti del Governo si aspettavano. Emergono infatti le prime criticità, portate a galla dai lavoratori artigiani. Quasi uno su due, infatti, aspetta ancora i contributi stanziati dal Consiglio dei Ministri per agevolare le categorie maggiormente in difficoltà dopo l’ultimo Dpcm. A renderlo noto è la sezione torinese di Confartigianato, che ci ha tenuto a sottolineare il mancato rispetto della prima scadenza. Il denaro relativo al Decreto Ristori bis avrebbe dovuto essere immesso nelle casse dei lavoratori entro metà novembre.

Si tratta di imprese – spiega Confartigianato Torino – che lavorano nella ristorazione con preparazione di cibi d’asporto: rosticcerie, pizzerie al taglio ma anche radiotaxi. Il rallentamento dell’erogazione del fondo è dovuto all’avviamento di nuove pratiche burocratiche, in quanto i loro codici Ateco non erano stati inseriti tra beneficiari del primo Decreto. A tutto questo si aggiunge il fatto che alcune imprese artigiane devono ancora ricevere gli aiuti per il lockdown di primavera, e che l’erogazione della cassa integrazione per gli artigiani è ferma al mese di giugno“.

La vendita di prodotti tipici ha bisogno di una spinta sotto le feste – meteoweek.com

Leggi anche -> Veneto, Emilia e Friuli, nuova ordinanza restrittiva: negozi chiusi, limiti a over 65

Leggi anche -> Chiusure, restrizioni e coprifuoco: le differenze tra il lockdown di marzo e quello di novembre

Dino De Santis, presidente di Confartigianato Torino, ha posto l’accento su questo grave problema, che affligge come detto quasi un lavoratore artigiano su due. “Affinché i ristori siano efficaci – ha dichiarato il dirigente – , occorre che siano tempestivi oltre che adeguati e che vengano erogati a una platea più larga di imprese colpite direttamente o indirettamente dalla crisi“. Alle categorie direttamente coinvolte in questi problemi, bisogna aggiungere anche quelle colpite di rimbalzo. Stiamo parlando della filiera di subfornitura, attualmente ferma o quasi.

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Ma c’è un altro aspetto che preme sottolineare ai vertici di Confartigianato. Si tratta della necessità di far riaprire le attività nel periodo natalizio. Anche perchè è questo il periodo in cui si concentra quasi il maggior numero delle vendite dei prodotti artigianali, soprattutto a livello culinario. “Se non si potrà utilizzare la finestra natalizia per vendere i prodotti artigianali legati al food come i panettoni, cioccolato, formaggi, vini agli oggetti artigianali artistici e legati alla moda, oltre il 40% chiuderà definitivamente entro la fine dell’anno“.