Categorie
Economia

Ristori ter: chi avrà diritto ai buoni spesa Covid e le tempistiche

Il Governo, in vista di Natale, offrirà buoni spesa alle famiglie in difficoltà. Le risorse del Ristori ter saranno distribuite già nei primi giorni di dicembre. I Comuni selezioneranno coloro che potranno usufruirne.

buoni spesa covid
Il Governo metterà a disposizione buoni spesa per un totale di 400 milioni di euro per le famiglie più in difficoltà – meteoweek.com

Le famiglie che stanno soffrendo di più a livello economico a causa dell’emergenza legata alla diffusione del Coronavirus possono tirare un sospiro di sollievo in vista del Natale. Il Ministero dell’Interno, infatti, ha messo a disposizione un fondo da 400 milioni di euro per l’erogazione di buoni spesa e generi di prima necessità. Il Ristori ter permetterà a coloro che sono in difficoltà di potere acquistare ciò che occorre per trascorrere le feste serenamente, almeno a tavola. Il Ristori ter uscirà nella Gazzetta ufficiale e le modalità per usufruirne saranno simili a quelle di marzo. In occasione della prima ondata del virus, infatti, erano già state aiutate oltre 4 milioni di persone.

Chi avrà diritto ai buoni spesa

L’Ufficio dei servizi sociali di ogni Comune avrà il compito di individuare coloro che hanno avuto ingenti danni economici a causa dell’emergenza Coronavirus e, dunque, si trovano in maggiore stato di bisogno. Il Comune, inoltre, provvederà a stilare un elenco degli esercenti in cui sarà possibile effettuare gli acquisti tramite i fondi ricevuti con il Ristori ter. Il valore dei buoni spesa dipenderà dal Comune di appartenenza e dalle caratteristiche della famiglia, ad esempio riguardo al numero di componenti. In generale l’importo del sussidio varia da un minimo di 300 euro ad un massimo di 500 euro.

I Comuni, in alternativa, potranno anche decidere di non mettere direttamente a disposizione dei cittadini i buoni spesa. Bensì le amministrazioni si occuperanno di effettuare da sé gli acquisti dei beni di prima necessità presso gli esercenti e di consegnarli a domicilio alle famiglie che avrebbero diritto ai sussidi del Ristori ter.


Le tempistiche

Il testo del decreto Ristori ter non è stato ancora pubblicato in Gazzetta ufficiale, ma in base alla bozza attualmente in circolazione non bisognerà attendere troppo. “Al fine di consentire ai comuni l’adozione di misure urgenti di solidarietà alimentare, è istituito nello stato di previsione del ministero dell’Interno, un fondo di 400 milioni di euro nel 2020, da erogare a ciascun comune, entro 7 giorni dall’entrata in vigore del presente decreto legge“, si legge. Probabilmente i buoni spesa saranno a disposizione delle famiglie più bisognose entro i primi giorni di dicembre.

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Si tratta di una risposta puntuale e precisa all’invito fatto al governo di provvedere a rifinanziare, nel più breve tempo possibile, una misura, quella dei buoni spesa, che aveva già manifestato la sua forte efficacia nella scorsa primavera“, ha affermato il presidente della Commissione Politiche Ue del Senato, Dario Stefano.