Fauci annuncia: “Prime vaccinazioni a dicembre”. Coinvolta anche l’Italia

Il direttore dell’Istituto Usa per le Malattie infettive svela che a metà dicembre partiranno le prime vaccinazioni. Fauci apre anche a una collaborazione con Joe Biden: “Voglio lavorare al suo fianco”.

Anthony-Fauci-meteoweek
Anthony Fauci svela i tempi di attesa per i vaccini – meteoweek.com

Anthony Fauci prova a fissare una prima data per l’avvio delle vaccinazioni contro il Covid-19. Il direttore dell’Istituto per le Malattie infettive negli Stati Uniti ne ha parlato in un’intervista per La Stampa. E ha svelato quale potrebbe essere una data realistica in cui verranno diffusi, in giro per il mondo, gli antidoti contro il virus. Specialmente per quanto riguarda le prime due aziende che lo diffonderanno, ovvero il binomio Pfizer-BioNTech e l’americana Moderna. Fauci ha fatto sapere che metà dicembre è un periodo assai realistico, entro il quale aspettarsi il via alle vaccinazioni.

Le vaccinazioni contro il Covid – dichiara l’ex collaboratore di Donald Trump – potrebbero cominciare tra il 12 e il 15 dicembre negli Usa ma anche in Italia. Questo però dovrebbe spingerci ad adottare subito con maggior serietà le misure per frenare i contagi“. Inoltre Anthony Fauci ha fatto capire che finora il Governo italiano ha lavorato bene. Soprattutto per quanto riguarda le restrizioni imposte in queste settimane: “Quanto state facendo in Italia è giusto, ma forse bisognerà tenere chiusi bar e ristoranti, e passare il Natale a casa solo con i familiari stretti“.

Tornando alla situazione dei vaccini in giro per il mondo, il lavoro continua a essere intenso da parte di tutte le aziende in concorso. Fauci, in ogni caso, ha voluto fare il punto della situazione, soprattutto per quanto riguarda le tre aziende che hanno svelato i risultati dei test: “C’è ancora un po’ di confusione sui dosaggi di AstraZeneca, quindi è prematuro giudicare. Pfizer invece ha chiesto l’autorizzazione d’emergenza e presto lo farà pure Moderna“. Nessun segnale rassicurante arriva dal russo Sputnik V e dal cinese Sinovac, con Fauci che dice che “servono dati che io non ho visto“.

Anthony Fauci rassicura gli italiani – meteoweek.com

Leggi anche -> Speranza sul vaccino: “Non sarà obbligatorio dall’inizio, punto alla persuasione”

Leggi anche -> Crisanti torna a parlare del vaccino: sì solo con i dati pubblici

L’ex collaboratore di Donald Trump ha speso una parola anche per i cosiddetti no-vax, o più in generale per gli “scettici del vaccino”. Una categoria che si sta espandendo sempre di più, tanto che l’ultimo sondaggio svela che in Italia una persona su tre non si vaccinerà a gennaio. “Il processo per sviluppare il vaccino e determinarne sicurezza ed efficacia è stato indipendente da qualsiasi manipolazione politica“, ha dichiarato Fauci in tal senso. Il direttore dell’istituto americano di malattie infettive ci ha dunque tenuto a ribadire la sicurezza dei lavori svolti finora.

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Ma quando si potrà parlare di normalità? Fauci risponde: “Quando avremo vaccinato la maggioranza della popolazione che vuole farlo, tra la primavera e l’estate. In autunno non saremo ancora alla normalità completa, ma quasi“. Non occorre votarsi al lockdown totale, ma continuare con le misure adottate in Italia. Fauci ha infine approfittato dell’intervista per aprire ancora una volta la porta al nuovo presidente americano Joe Biden: “Spero di poter entrare in contatto quanto prima con lo staff di Biden. Ho servito sei amministrazioni per 36 anni, e ho intenzione di farlo con la settima“.