Categorie
Politica

Nuovi cambi di colore per le Regioni, Conte: “Novità nel pomeriggio”

Il premier Giuseppe Conte ha annunciato delle novità sui prossimi cambi di colore delle Regioni, ora al vaglio degli esperti.

Nuovi cambi di colore per le Regioni, Conte: "Novità nel pomeriggio" - www.meteoweek.com
Giuseppe Conte, presidente del Consiglio, in collegamento con l’evento “Generazione Energia”. Credit: Giuseppe Conte Facebook

Le parole di Conte

Ore impegnative. Così ha definito la giornata di oggi – venerdì 27 novembre – il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, in collegamento con l’evento “Generazione Energia”, in vista del nuovo monitoraggio sull’andamento del coronavirus nelle Regioni d’Italia. “Sono ore impegnative: eravamo a consulto con i nostri esperti per valutare la curva epidemiologica per valutare gli scenari prossimi futuri. Oggi è venerdì e come sapete c’è il monitoraggio settimanale. Nel pomeriggio avremo delle novità, ha detto il premier dopo la riunione con i capi delegazione di maggioranza, alla presenza di Franco Locatelli e Silvio Brusaferro.

Leggi anche: Trasporto pubblico: “Capienza al 50% rispettata? Un paradosso” [VIDEO]

Le Regioni che potrebbero passare da rosse ad arancioni

Due delle Regioni che sperano nel passaggio da zona rossa a zona arancione sono Lombardia e Piemonte. La discesa dei contagi è iniziata nei due territori da venerdì 13 novembre, grazie alle misure anti Covid attivate nelle ultime settimane. Le due Regioni del Nord Italia hanno abbassato il proprio livello di rischio e hanno subito iniziato a pressare Conte per uscire il prima possibile dal lockdown. Stando al Dpcm attualmente in vigore le zone rosse e arancioni devono restare 14 giorni nello scenario di rischio inferiore per cambiare status, quindi oggi sarebbero ufficialmente pronte per il cambiamento.

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Chi probabilmente resterà in zona rossa

Diversa la situazione della Toscana. Seppure il miglioramento dei dati sia evidente, proprio in virtù dell’attesa di 14 giorni nello scenario di rischio inferiore, sarà necessario aspettare probabilmente almeno un’altra settimana. Ancora più difficile sarà il passaggio da zona rossa a zona arancione di Valle d’Aosta, Calabria e provincia di Bolzano. Specialmente in Calabria, dove il numero dei contagi non riesce a diminuire. Stando ai numeri attuali, probabilmente bisognerà aspettare qualche altra settimana, nella speranza di tornare almeno in fascia arancione prima di Natale. Altrimenti, saranno feste in lockdown.

Leggi anche: Roma, tornano all’Ater i locali occupati dalla sede di Forza Nuova [VIDEO]

Chi probabilmente passerà alla zona rossa

Un cambiamento in negativo, invece, potrebbe riguardare Basilicata, Puglia e Sicilia. La prima ha registrato mercoledì scorso, 25 novembre, un record di soggetti positivi. La seconda si divide in zone sotto controllo e province – come BAT e Foggia, per cui il governatore Michele Emiliano ha chiesto di istituire la zona rossa – con un alto rischio. L’ultima, infine, è sottoposta a ispezione per capire quale sia veramente la situazione nella Regione e se debba ritenersi necessario il cambiamento di zona.