Le 7 regole per un Natale senza Covid: dal menu agli spostamenti

Un gruppo di esperti degli Stati Uniti ha redatto una lista con sette regole per evitare la diffusione del Covid-19 a Natale. Dal “no” ai viaggi fino ad un menù particolare.

natale covid
A Natale bisognerà rispettare le misure di restrizione contro il Covid-19 – meteoweek.com

Quest’anno il Natale, a causa dell’emergenza Covid-19, sarà senza dubbio diverso. Le norme di restrizione necessarie ad evitare la diffusione del virus costringeranno la popolazione a stravolgere le proprie abitudini. Nuclei familiari ristretti, mascherine e distanziamento sociale. In dubbio persino la messa di mezzanotte. Mentre i Governi dei diversi Paesi valutano i provvedimenti da mettere in atto per proteggere la salute dei cittadini, un gruppo di esperti degli Stati Uniti ha stilato una lista di regole che tutti dovrebbero seguire in vista delle feste.

Le 7 regole anti-Covid

I consueti festeggiamenti di Natale saranno vietati, ormai è un dato di fatto. Niente assembramenti né cenoni con un gran numero di persone. Per potere restare vicini a parenti e amici che non sono nella lista del nucleo a noi più stretto, tuttavia, c’è una soluzione: “Zoom“.

Se l’idea di organizzare un raduno virtuale per una vacanza così importante non ti entusiasma in questo momento, sappi che ci sono modi per renderlo divertente e trascorrere del tempo insieme”, afferma Henry F. Raymond, direttore Usa del centro pandemie, esperto di salute pubblica. “Ad esempio, coordina un menu (e prepara le cose su scala più piccola per la tua famiglia) in modo da poter gustare tutti gli stessi cibi. Se c’è un cibo speciale che solo tu prepari, come una fantastica torta, fallo e lascialo ai tuoi cari. In questo modo, puoi ancora sentirti come se ti stessi prendendo cura della famiglia con una ricetta amata ma mantenendola al sicuro“, ha spiegato l’esperto.

La bolla

Esiste però un nucleo di persone a cui non dobbiamo per forza rinunciare. Si tratta di coloro che appartengono alla “bolla“, ovvero alla cerchia di soggetti che normalmente incontriamo quasi quotidianamente. Parenti stretti, amici di cui conosciamo le abitudini e gli spostamenti e, perché no, vicini di casa. “Invita le persone attualmente nella tua bolla“, continua Raymond. “Per quanto ti piacerebbe avere tua zia o cugini che non vedi da marzo, è una buona idea tenere separate queste celebrazioni per quest’anno“.

Ciò vale a maggior ragione nel caso in cui sia necessario, per incontrarsi, effettuare dei viaggi. “Se tua suocera deve attraversare il paese per venire a trovarti, non è nella tua bolla. Ricorda, la stagione influenzale e il Covid si verificano contemporaneamente. Non è una buona idea scambiare virus da tutto il paese“. È dunque necessario effettuare dei tagli alla lista degli invitati. Non tutte le persone a noi care possono entrare nella bolla. Evitare di integrarle può anche essere un modo per preservare la loro salute. “È difficile dirlo, ma a meno che il nonno non faccia parte della tua bolla sociale esistente, non dovrebbe venire a casa tua“, dice Raymond. È possibile, piuttosto, preparare il pranzo e farglielo arrivare, magari rimanendo in contatto virtualmente durante la giornata, in modo da non farlo sentire solo.


Leggi anche:


Il rispetto delle misure di prevenzione

Anche in presenza dei membri della propria bolla è necessario rispettare le regole utili a contrastare la diffusione del Covid-19. Per questo gli spazi dovranno essere quelli adatti ad ospitare un determinato numero di persone. “Non invitare così tante persone in un piccolo spazio da dover stipare tutti intorno a un tavolo“, sottolinea Raymond. Vietati, inoltre, i buffet e tutte quelle occasioni che possono generare assembramenti o promiscuità. “Evita di condividere utensili e passare il cibo intorno al tavolo. Non è che le persone mettano da una bocca all’altra gli utensili da portata, ma ci sono tanti modi semplici per ridurre al minimo il rischio potenziale, e questo è uno di questi“.

natale covid
Gli assembramenti devono essere evitati anche a tavola – meteoweek.com

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Infine, ma non per importanza, meglio evitare l’alcol. L’attenzione, infatti, deve sempre restare alta. “Essere brilli abbassa la guardia e può anche farti parlare e ridere in modo più animato, e l’espirazione più forte e le particelle di saliva potrebbero aumentare il rischio di trasmissione del virus, se qualcuno è infetto ma non lo sa“, conclude Raymond. Ciò, tuttavia, non vuol dire privarsi dell’allegria. “Non reprimere le risate, ma assicurati di limitare il tuo vino o le tue bevute di rum dopo cena: è importante restare vigili“.