Salvini e l’unità dell’opposizione: ma sul decreto sicurezza c’è anche la destra del M5S

Matteo Salvini, in una intervista, sottolinea l’importanza di un centrodestra unito: ma sul decreto sicurezza una parte del M5S è con lui.

Un centrodestra unito è certamente più forte: ed il fatto di governare la maggioranza delle regioni d’Italia lo renderà decisivo. A partire dalle elezioni del presidente della Repubblica. “Il tentativo del Pd è chiaro da mesi. Vuole scegliersi un pezzo dell’opposizione con cui lavorare. Ma il centrodestra non è a disposizione di nessuno, siamo maggioranza nel paese e governiamo 14 Regioni su 20″: così in un’intervista a ‘Il Corriere della Sera’ il leader della Lega Matteo Salvini spiega perchè è così deciso nel chiedere con forza che l’attuale opposizione sia unita. E sono i risultati politici a dargli ragione: come per esempio quanto ottenuto sullo scostamento di bilancio: “Sono contento perché bado alla sostanza. Se il centrodestra fosse andato in ordine sparso non avrebbe incassato alcun successo”. Il messaggio che rivolgeal Pd è quindi chiaro: “Mettetevi l’anima in pace sull’elezione del presidente della Repubblica. Il centrodestra con le sue Regioni rappresenta il 46% dei voti, siamo assolutamente decisivi. La notte prima del voto, il leader della Lega ha vissuto momenti di attività febbrile: “Ho dormito pochissimo. Sarò stato al telefono con Berlusconi e Meloni circa una ventina di volte. Sono state energie ben spese: abbiamo non dico costretto, ma almeno convinto il governo a mettere nero su bianco che le risorse finiscono alle partite Iva e all’economia e non ai monopattini. L’unità del centrodestra si deve dimostrare ogni giorno. Anche oggi, sui temi della sicurezza nazionale: sono sicuro che i 250 parlamentari del centrodestra lavoreranno insieme”. Primo passo concreto della federazione delle destre? Salvini ci spera: “I gruppi parlamentari, pensi cosa sarebbe avere un gruppone di 250 deputati e 150 senatori. Un gruppo unico sarebbe una bella risposta anche a Pd e 5 Stelle e ai loro tentativi di dividerci”. Unire tutta l’opposizione vorrebbe dire avere più capacità di raggiungere risultati politici: cosa che ieri non è del tutto avvenuto, almeno per la Lega: “Su alcuni dei temi che abbiamo portato noi, ci è stato detto che era impossibile inserirli in questo scostamento, ma ne parleremo seriamente in sede di manovra. Vedremo se il dialogo del governo dura solo una notte”.

Leggi anche:

La nave Ocean Viking, posta sotto sequestro questa estate

C’è però una novità, che potrebbe clamorosamente allargare il campo del sostegno all’opposizione. Arriva sul decreto sicurezza, dove la Lega ha trovato (o ritrovato) degli alleati, forse inattesi: si tratta di alcuni parlamentari del Movimento 5 Stelle che sono d’accordo con Matteo Salvini – in particolare – nel non voler togliere il sequestro delle navi delle Ong. La scelta di mettere la fiducia sulla votazione da parte del governo ha infatti una duplice funzione: da un lato non permette all’opposizione una nuova valanga di emendamenti di natura ostruzionistica, ma soprattutto mira a neutralizzare i dissensi dell’ala più di destra dei 5Stelle. Già in commissione Affari Costituzionali era comparsa la “fronda” grillina: un gruppo di dissidenti del Movimento 5 Stelle si era opposto proprio allo stop al sequestro delle imbarcazioni delle Ong per il salvataggio dei migranti in mare. Furono battuti al voto, ma ora sembrano intenzionati a ripresentarsi in aula.

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek