Muore consigliere comunale: si accascia dopo un malore in strada

E’ morto sulla strada che si inoltra nel bosco verso Costalissoio, colpito probabilmente da infarto, Daniele Costan Zovi, 55 anni, di Costa di San Nicolò. Quella strada la conosceva molto bene: la faceva ogni giorno partendo da casa sua. Eppure quella camminata è stata fatale e ai soccorritori non è rimasto che attestare il decesso dell’uomo per cause naturali.

meteoweek
E’ caduto in mezzo a quella natura che tanto ha amato, Daniele Costan Zovi, fin da ragazzo, quando, assieme al papà Gianmario e al nonno Antonio, esperta guardia boschiva, lavorava nella gestione della stalla sociale, tra le mucche al pascolo o sui prati del monte Zovo. Eppure, probabilmente per un infarto fulminante, Daniele se n’è andato. Sul luogo del decesso è subito intervenuto il personale sanitario al quale non è rimasto che certificare la morte per cause naturali. Una certificazione che ha consentito la magistratura, informata dai carabinieri, di rilasciare subito il nulla osta per la sepoltura.


Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek


Amava il paese di Costa, per questo si dedicava al volontariato sia come amministratore della Regola, sia come membro e anche vice presidente dell’associazione Le Ongane, che per molti anni ha tenuto aperto il circolo, quando il paese era privo di negozi e botteghe. I boschi di proprietà della Regola li conosceva tutti e li selezionava con gli altri amministratori dell’Ente per il taglio dei lotti annuali. Era consigliere comunale, nella lista del sindaco Giancarlo Ianese, eletto lo scorso anno, per la quarta volta come rappresentante della frazione di Costa. Un cittadino amato e ben visto da tutti che ci lascia precocemente all’età di 55 anni.


Leggi anche:

Presidente della Valle d’Aosta: Roma spieghi perché noi zona rossa


Daniele era sposato con Tiziana De Villa Tondo di Costalta e aveva lavorato per molti anni in una fabbrica di occhiali. La notizia della sua morte ha scosso la piccola comunità di Costa, dove Daniele era stimato e apprezzato, pur nella riservatezza del suo carattere. Egli lascia la moglie Tiziana, la mamma Flora e la sorella Laura. I funerali si svolgeranno nella chiesa del paese e il corpo verrà sepolto nel piccolo cimitero di Costa, come avrebbe voluto.