Padre lancia figlio di 11 mesi da un ponte e poi va al bar:”Credevo si stesse trasformando in demonio”

Padre lancia figlio di 11 mesi da un ponte e poi va al bar:”Credevo si stesse trasformando in demonio”. L’uomo soffre di schizofrenia

Zak Eko Bennet-Meteoweek.com

Ha gettato il figlio di 11 mesi da un ponte e poi è andato a fare colazione in bar come se nulla fosse. Zak Eko Bennett, 22 anni, ha avuto una condanna per omicidio non intenzionale nonostante la gravità del delitto commesso. Questo perché il tribunale britannico ha riconosciuto all’uomo limitata capacità di intendere e volere che ha costituito un attenuante per la sentenza.

L’uomo aveva detto alla sua compagna che sarebbe uscito per acquistare del latte e avrebbe portato il piccolo, di soli 11 mesi, con sé. Ma durante il tragitto l’uomo ha gettato il figlio da un ponte e poi, come se nulla fosse, è andato a fare colazione in un bar. Dei passanti hanno visto quanto accaduto e hanno subito allertato i soccorsi, ma ormai per il piccino era troppo tardi.

Leggi anche:—>Vincenzo perde la vita a soli 11 anni per raro tumore: peggiorato dopo aver contratto anche il Covid

Leggi anche:—>Nostradamus, le previsioni per il 2021 sono catastrofiche

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

L’uomo, arrestato, durante il colloquio con le forze dell’ordine ha detto che nelle settimane che hanno preceduto il delitto, aveva sentito delle voci che gli dicevano che il figlio stava diventando un demonio e avrebbe dovuto assassinarlo. Dopo le opportune perizie del caso, si è accertato che l’uomo soffre di schizofrenia paranoica e questa è stata un attenuante nel processo.

Bennett fu ricoverato per gravi problemi psichiatrici nel 2014 e sembrava stesse meglio finché non è avvenuta la tragedia. Attualmente l’uomo è rinchiuso in una clinica psichiatrica dove trascorrerà gran parte della sua condanna.