Vaccino Covid, in Italia da gennaio: gratis per tutti, non sarà obbligatorio

Se tutto procederà senza intoppi, la campagna vaccinale nel nostro Paese partirà da fine gennaio: le dosi saranno gratis per tutti, e la vaccinazione avverrà su base volontaria. Si punta all’immunizzazione di almeno 20 milioni di italiani in estate.

Vaccino-Covid-meteoweek
foto di archivio – vaccino anti Covid

Come abbiamo già avuto modo di affrontare, i primi Paesi a mettere le mani sul tanto agognato vaccino anti Covid-19 saranno Stati Uniti e Gran Bregagna. I membri dell’Unione europea dovranno attendere un po’ più a lungo degli altri concorrenti, e se tutto procede secondo i piani al momento previsti, le prime fasi di vaccinazione avranno inizio tra gennaio e febbraio. Priorità, chiaramente, agli operatori sanitari, fino ad includere successivamente le fasce di popolazione più a rischio della malattia.

In Italia, stessa cosa. E secondo le stime riportate dagli esperti, si pronostica che una vera e propria fase di vaccinazione di massa non vedrà la luce prima dell’estate: a luglio, viene reso noto, si spera sull’immunizzazione di circa 20 milioni di italiani. Secondo Sergio Romagnani, docente Immunologia clinica e professore emerito dell’Università di Firenze, in primavera potremmo tuttavia essere già vicini a una zona di sicurezza. “Se riusciremo, per allora, a vaccinare i 4,4 milioni di ultra ottantenni, e a seguire i settantenni, avremo non solo salvato molte vite, ma ridotto il peso dei malati Covid-19 sugli ospedali e sulle terapie intensive. A questo aggiungiamo la protezione assicurata a medici e infermieri”, ha infatti spiegato Romagnani alla stampa.

Vaccino gratis per tutti e facoltativo

dpcm natale regioni - meteoweek.com
foto via da Getty Images

Nel frattempo, l’esecutivo ha pubblicato ieri sera il calendario previsto per la consegna delle dosi nel nostro Paese. Secondo quanto è possibile leggere, dunque, in Italia arriveranno 16,1 milioni di dosi AstraZeneca nel primo trimestre del 2021, e 24,2 nel secondo; di Pfizer si parla di 8,7 nel primo, 8 nel secondo, e 10 nel terzo; per quanto riguarda Johnson&Johnson, si avranno 14,8 di dosi nel secondo trimestre, 32,3 nel terzo, 6,7 nel quarto; del vaccino di Sanofi si otterranno 20,1 dosi nel terzo e 20,1 nel quarto; del farmato prodotto da Curevac si parla di 2 milioni di dosi reperibili nel primo, 5,4 nel secondo, 6,7 nel terzo, 8, nel quarto e 8 nel primo trimestre del 2022; mentre per quanto riguarda il vaccino di Moderna, in Italia giungeranno 1,3 milioni di dosi nel primo, 4,7 nel secondo e 4,7 nel terzo.

Un totale potenziale, dunque, di 202.573.000 dosi vaccino anti Covid-19 che, se tutto andrà secondo i piani, apre realmente la prospettiva di vaccinazione per almeno 20 milioni di italiani, entro i prossimi mesi estivi.


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE


Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha inoltre illustrato in Aula al Senato le nuove misure per fronteggiare l’emergenza pandemica, sottolineando come la pianificazione della campagna vaccinale dovrebbe iniziare a fine gennaio. Accompagnate da un’adeguata ed esautiva campagna informativa, le dosi saranno gratuite per tutti, e almeno nel periodo iniziale la somministrazione sarà su base volontaria. La distribuzione dei vaccini è poi “centralizzata”, data in mano all’Esercito, mentre per le prodecure di somministrazione saranno chiamati almeno 20mila tra medici, infermieri, assistenti socio sanitari e personale amministrativo.


Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Le prime categorie di cittadini ad essere vaccinate saranno gli operatori sanitari (1.404.037 individui), i residenti e il personale delle Rsa (570.287 individui), le persone over 80 (4.442.048 individui). In seguito, si procederà per le 13.432.005 persone di età compresa tra i 65 e 79 anni, e le 7.403.578 persone con almeno una comorbilità cronica. Inoltre, sempre secondo quanto illustrato da Speranza, si provvederà a un sistema di vigilanza successiva alla somministrazione delle dosi, e il controllo sulla sicurezza dei vaccini sarà costante.