Uccide fidanzata strangolandola dopo un litigio e poi inscena un suicidio

Uccide fidanzata strangolandola dopo un litigio e poi inscena un suicidio. L’autopsia ha mostrato la verità

Luz Belén Marino-Meteoweek.com

Luz Belén Marino, 16 anni, è morta all’ospedale Municipale ‘Nuestra Señora de Luján’ di Buenos Aires dopo che il suo fidanzato, Cristian Zanetti, 22 anni, l’aveva strangolata a morte. Il delitto è avvenuto domenica scorsa e stava per essere archiviato come caso di suicidio perché gli inquirenti hanno trovato la ragazza impiccata. Tuttavia, è stata l’autopsia a raccontare un’altra verità: il fidanzato l’avrebbe uccisa strangolandola dopo un brutto litigio.

Leggi anche:—>Pasticciere si accascia a terra e muore di infarto dopo lite con i vigili

All’inizio il giovane aveva chiesto a Luz di vedersi ma lei aveva rifiutato, al che lui aveva telefonato alla madre della ragazza per farsi dare le chiavi di casa affermando di volerle fare una sorpresa.

Leggi anche:—->Squalo assale e uccide donna di 40 anni, le autorità: qui è un fatto insolito

Ma una volta dentro, Cristian l’ha aggredita e strangolata, poi ha finto che lei si fosse impiccata e ha telefonato ai soccorritori. Poi la verità rivelata dall’autopsia. Il giovane ora è in arresto, si attendono le analisi del Dna per confermare il tutto e se fosse così Cristian rischia l’ergastolo.