Recovery, Conte incontra Italia Viva. Bellanova: “Qualcosa è cambiato”

Teresa Bellanova, al margine dell’incontro tra Italia Viva e Giuseppe Conte, sembra lanciare segnali di distensione.

“Intanto è positivo che si parli di contenuti e non di task force, visto che l’emendamento in
manovra non c’è. Finalmente discutiamo nel merito”. Le parole di Teresa Bellanova, capodelegazione di Iv, dette all’entrata di Palazzo Chigi per il vertice con Giuseppe Conte di questa mattina, sembrano essere un segnale di distensione tra il Premier e Italia Viva.Intorno alle 11.30, la delegazione dei renziani, senza Matteo Renzi, si è presentata a Palazzo Chigi per incontrare il premier che ieri ha già visto M5s e PD. Argomento, il Recovery plan tanto che l’assenza dei leader dei partiti è una scelta voluta: un modo per scongiurare le tensioni ed aprire al dialogo.

Leggi anche: Crisi di governo, Di Battista: A Renzi non interessa il Mes, vuole il potere

Accanto a Bellanova, c’era anche Elena Bonetti, Ministra per le Pari opportunità e la Famiglia. Ma anche Maria Elena Boschie Davide Faraone, rispettivamente capigruppo di Camera e Senato. Infine, il coordinatore nazionale Rosato ed il deputato Luigi Marattin. “Fa piacere constatare che sulla governance avevamo del tutto ragione, indicando tra gli altri il rischio commissariamento ministeri e Regioni e quello profili di incostituzionalità”, ha detto Bellanova. Infatti, nella legge di bilancio adesso all’attenzione delle Camere, la norma che sivoleva introdurre non è presente. Segno evidente, dice la Renziana, che tutti i rilievi di IV sul testo “illustrato dal presidente Conte nel Cdm del 7 dicembre erano sacrosanti”

Leggi anche: È guerra all’interno della maggioranza: il post di M5s contro Renzi

Intanto Matteo Renzi, poco prima che la delegazione entrasse a Palazzo Chigi, ha diffuso la sua enews chiedendo al premier risposte. “Le risposte le deve all’Italia, non a Iv”. Il leader di Iv ha poi riferito di non avere come obiettivo un rimpasto, ma il ricorso al Mes per finanziare la sanità: “Hanno scritto che vogliamo poltrone. Hanno scritto che siamo irresponsabili. Hanno scritto che facciamo tattica. Hanno scritto, ma non hanno letto”, si legge. Poi, la volontà di proseguire: “Su ciascun punto continuiamo a insistere, a cominciare dal Mes”.