Sondaggi, la Lega perde punti ma resta il primo partito d’Italia

L’ultimo sondaggio settimanale Swg vede in crescita il Partito democratico. Calano M5S, Iv e la Lega, che resta in testa.

Cresce il Partito democratico, calano il M5S, Iv e la Lega. Stabile FdI, sale Forza Italia. E’ questa la fotografia dell’attuale situazione dei partiti, emersa dal sondaggio settimanale Swg sulle intenzioni di votoal 21 dicembre. Nello specifico, il Partito Democratico sale al 20,4%, aumentando di +0,3. Il Movimento cinque stelle perde invece 0,5 punti percentuali, indietreggiando al 14,3%. Cala anche la Lega, sempre di 0,5%, fermandosi al
24,4. Stabile Fratelli d’Italia, al 16,7%, ma con una leggera perdita di -0,1. Sale anche Forza Italia di +0,4 punti percentuali, fermandosi al 6,3.

Leggi anche: Sondaggi, il volo di Giorgia Meloni: Fratelli d’Italia al 16,8%

Sinistra Italia/Mdp segna invece un leggero incremento, di + 0,3% arrivando al 3,6%. Scende il partito di Matteo Renzi al 2,8, perdendo -0,3%. +Europa è al 2,4%, +0,3. Azione stabile a 3,7%, con un decremento dello 0,1. I dati sono stati elaborato su un campione rappresentativo nazionale di 1.200 soggetti maggiorenni.

Leggi anche: Covid mutato, Iva Zanicchi contro Conte: Si sapeva da settembre

La lega di Matteo Salvini resta comunque il primo partito d’Italia e il leader si è detto pronto a tornare al Governo, forte dei numeri che gli danno consensi. Ieri, direttamente da Roma, ha rifiutato l’idea di “ipotesi tecniche” in caso di una caduta di Governo. “Non mi interessano. Se lei mi dice facciamo un Governo con Gesù bambino al posto di Conte si, sarebbe molto più salutare agli italiani”, ha detto Salvini in una dichiarazione in Piazza San Luigi dei Francesi a Roma.

Ma a fare da concorrente a Salvini potrebbe esserci lei, Giorgia Meloni. Fratelli d’Italia è cresciuto in maniera significativa nei consensi. Secondo le stime Supermedia di Youtrend, all’inizio dell’anno il partito della Meloni veva il 10,7% dei consensi, mentre ora supererebbe il 16%: una crescita di 5 punti e mezzo soltanto nella prima metà dell’anno. Se dovesse continuare così, la Meloni potrebbe addirittura pensare di correre da sola.