Va in prigione per reati commessi 21 anni fa: “Ma ora è una persona onesta”

Un 47enne di Napoli costretto ad andare in carcere per una condanna risalente alla fine degli anni novanta.

Condannato per associazione mafiosa e spaccio di droga, ora deve scontare 11 anni, 11 mesi e 16 giorni di reclusione: e sabato scorso Giuseppe, 47enne napoletano, si è recato in carcere per scontare la sua pena. Ma i reati per cui l’uomo è stato condannato risalgono a venti anni fa. Dal 1999 Giuseppe ha cambiato vita, svolge un lavoro onesto, si è sposato ed ha messo al mondo tre figli. Insomma, per lui si sono aperte le porte del carcere di Poggioreale nonostante negli ultimi due decenni l’uomo abbia completamente cambiato vita.

Leggi anche: Studentessa di 20 anni finisce in prigione per le norme anti Covid

Nel 1999 Giuseppe faceva parte di un gruppo malavitoso che operava nei Quartieri spagnoli di Napoli, nella zona di Sant’Anna a Palazzo: una organizzazione criminale i cui componenti sono tutti morti in maniera violenta. Tutti tranne lui, che è invece stato in grado di cambiare completamente strada guadagnandosi un lavoro onesto e costruendosi una famiglia. Giuseppe, noto come Pippo, abbandonò ben presto la via del crimine, della violenza e dello spaccio per dedicarsi a una vita senza ombre, all’interno della legalità.

Lo stato però non ha scordato il suo passato, ed è venuto a chiedere il conto: 21 anni dopo è arrivato un ordine di carcerazione. Un lasso di tempo veramente ampio, che assomiglia più ad una sorta di accanimento burocratico piuttosto che ad una pena utile a reinserire nella collettività un criminale: Giuseppe ci ha già pensato da solo, a reinserirsi. Il suo avvocato, Sergio Pisani, non usa mezzi termini nel commentare la decisione:

Leggi anche: Vaccino, Zampa: “Se tutto va bene, l’Italia sarà al sicuro a ottobre 2021”

“Rappresenta il fallimento totale dell’attuale sistema giustizia. Che senso ha, dopo 21 anni da un reato, far scontare 11 anni di reclusione a un soggetto che si è totalmente riabilitato lavorando onestamente e mettendo su famiglia?Chiederemo la grazia al presidente della Repubblica – ha aggiunto l’avvocato – perché la funzione rieducativa della pena non si trasformi in una mera funzione punitiva, annullando di fatto un percorso di vita che ora viene incredibilmente stroncato”.