Rifiuta un festino a base di sesso e droga: il compagno la prende a botte

Doveva essere un festino a base di sesso e droga, la notte di Natale, ma la donna, intuendo subito le intenzioni del compagno, si è rifiutata di partecipare.L’uomo non ha gradito il suo comportamento e l’ha picchiata a sangue.

rifiuta un festino

Relazione travagliata, conclusa nel peggiore dei modi

Tutto si è svolto in una villetta di Noventana, dove l’imprenditore voleva trascorrere la nottata in compagnia della donna. I due stavano insieme da circa un anno ma, tra di loro i problemi non sono mai mancati: la gelosia e i vizi dell’uomo avevano ormai reso il rapporto insostenibile. Una relazione travagliata, conclusa nel peggiore dei modi.L’abuso di alcol e di sostanze stupefacenti, a poco a poco, hanno reso l’uomo sempre più violento e aggressivo. È bastata una parola fuori posto da parte della vittima ed è iniziato il pestaggio. La donna non voleva finire in brutti giri, lasciandosi coinvolgere dal festino a base di sesso e droga. Il compagno non ha voluto saperne e ha scatenato la sua ira contro di lei. Inutili i tentativi della donna di fuggire, costretta a restare in quella casa a subire maltrattamenti.

LEGGI ANCHE: Terrore la notte di Natale: donna violentata e sequestrata. Ora lui è in carcere

rifiuta un festino

LEGGI ANCHE: Avellino, partorisce il figlio in ospedale e lo abbandona: giovane coppia lo adotta

L’incubo concluso

Le urla sono state sentite dai vicini che hanno immediatamente avvisato i soccorsi. Appena i militari hanno avuto accesso alla residenza, hanno trovato la donna in un angolo della stanza, piena di lividi. L’uomo, in stato di agitazione, è stato reso inoffensivo e accompagnato in caserma, arrestato per maltrattamenti in famiglia, lesioni e sequestro di persona. Questo ultimo reato gli è stato accollato dopo che è emerso che la vittima voleva chiamare qualcuno per chiedere aiuto e andarsene, ma il compagno le ha portato via il telefono cellulare. Ora l’arrestato si trova in regime di arresti domiciliari a disposizione dell’autorità giudiziaria, mentre la donna ha trovato alloggio a casa di alcuni famigliari dove potrà riprendersi dallo choc.