Da oggi si cambia colore: cosa possiamo fare in zona arancione?

Dal rosso natalizio, di nuovo all’arancione: da oggi si cambia colore, ma quali sono i divieti e le restrizioni? Cosa invece è permesso? Superati i quattro giorni delle festività di Natale, ritenuti dagli esperti a maggior rischio per la diffusione del contagio, l’Italia passa da zona rossa ad arancione. Nei prossimi tre giorni, il 28, 29 e 30 dicembre, i negozi saranno aperti e le misure meno stringenti per la circolazione, anche se l’autocertificazione deve essere sempre a portata di mano.Da oggi si cambia colore

Il coprifuoco

Resta in vigora il divieto di circolazione dalle 22 alle 5. Quindi, non ci siamo ancora liberati del tanto temuto coprifuoco. In caso di spostamenti al di fuori dell’orario consentito, è obbligatorio compilare l’autocertificazione. Lo stesso avviene per gli spostamenti al di fuori della propria regione. Ricordiamo, però, che ci si può spostare, fuori dal coprifuoco, solo per motivi di lavoro, salute o estrema necessità. Tra le domande più frequenti, ci si chiede se “Si va a casa di parenti o amici, nel rispetto dei limiti e degli orari previsti dalla normativa, si deve comunque rispettare il cosiddetto “coprifuoco”? O si può rientrare alla propria residenza, domicilio o abitazione in qualsiasi momento?». La risposta è semplice: «Il rientro a casa, dopo essere andati a trovare amici o parenti, deve sempre avvenire tra le 5.00 e le 22.00 (mentre il 1° gennaio 2021 tra le 7.00 e le 22.00), sia nei giorni “rossi” che in quelli “arancioni”».

Negozi, circolazione e bar

La circolazione all’interno del proprio comune è consentita, nei giorni arancioni, senza l’obbligo dell’autocertificazione. Ci si può recare a casa di parenti o amici, per un massimo di due persone alla volta, senza tener conto degli under 14, delle persone non autosufficienti o dei conviventi. I negozi, inoltre, resteranno aperti fino alle 21.00 per evitare assembramenti negli orari di punta. Per mangiare al ristorante o bere un caffè al bar, invece, bisognerà aspettare il 7 gennaio. Per adesso, è consentito il servizio d’asporto o la consegna a domicilio. Restano aperti i supermercati, , parrucchieri, barbieri, tabaccai, farmacie, parafarmacie, librerie, edicole, fiorai, negozi di giocattoli e abbigliamento sportivo, tabacchi e ferramenta, lavanderie e negozi per animali.

LEGGI ANCHE: Maltempo, neve fitta a Milano: problemi di traffico in Autostrada

Da oggi si cambia colore

Messe

Nei giorni di zona arancione, «i fedeli potranno raggiungere liberamente qualsiasi luogo sacro sito nel comune di residenza, domicilio o abitazione. Se esso ha una popolazione non superiore a 5.000 abitanti è possibile recarsi in chiese situate in altri comuni che non siano capoluoghi di provincia e distanti non oltre i 30 chilometri». I cittadini potranno anche raggiungere le seconde case, mentre si potrà sempre tornare alla residenza o al domicilio.