“Mamma, faccio una doccia e ti richiamo”, poi il malore: Pierluigi muore a soli 28 anni

“Mamma, faccio una doccia e ti richiamo”, poi il malore: Pierluigi muore a soli 28 anni. Perde la vita nel giorno di Santo Stefano

Pierluigi-Meteoweek.com

Pierluigi Reda è morto stroncato da un malore nel giorno di Santo Stefano a soli 28 anni. Era rientrato da un pranzo a Mestre da dei parenti e aveva rinunciato a tornare in Campania causa lockdown. Quando è tornato a casa ha telefonato alla madre, che vive con il resto della famiglia a Torre Annunziata:”Ciao mamma, sono tornato, faccio la doccia e ti richiamo“. Poi, più nulla. Il telefono di Pierluigi squillava inutilmente e la madre ha iniziato a preoccuparsi, tanto da lanciare l’allarme contattando i colleghi e i parenti in Veneto. All’una di notte tra il 26 e il 27 dicembre i carabinieri e i vigili del fuoco si sono recati sul posto e una volta entrati di forza nell’appartamento, dato che nessuno rispondeva al campanello, hanno rinvenuto il corpo senza vita del giovane.

Leggi anche:—>Stroncato dal Covid in meno di due settimane: morto l’imprenditore Maggiolo

Il cadavere era sotto la doccia e per lui ormai non c’era nulla da fare. Ora l’autopsia stabilirà le cause della morte del giovane. Sembrava in ottimo stato di salute e che non soffrisse di altre patologie. Parenti amici del ragazzo sono sotto shock. Lavorava alle Poste nel padovano ed era molto apprezzato dai suoi colleghi:”Un valente professionista, molto in gamba sul quale facevamo affidamento”. Così lo ricorda la sorella Melania: “Tu ti sei preso cura di noi e ci hai insegnato a essere grandi. Senza di te fratello mio, niente sarà più lo stesso. Ci mancherai ogni momento della nostra vita. Guidaci e illumina le nostre strade sempre. Mi hai disintegrato l’anima. Sarai sempre il mio intoccabile fratellino. Buon Viaggio amore mio. Un giorno ci rincontreremo e non ci lasceremo più“.