Teresa Bellanova: “Se Palazzo Chigi vuole chi obbedisce, allora torno alla mia vita”

A Palazzo Chigi vogliono yes man, cioè chi obbedisce: e allora io torno indietro. Questa, l’ultima posizione di Teresa Bellanova che riapre lo scontro tra Italia Viva e l’attuale esecutivo.

“Io sono impegnata a fare il mio lavoro, ma se dobbiamo stare al governo per continuare a non avere una visione in prospettiva non siamo interessati a stare ancora al Governo”. A dirlo è stata la ministra dell’Agricoltura Teresa Bellanova,ospite in collegamento da Nicola Porro, a Quarta Repubblica. Italia Viva potrebbe infatti decidere di ritirare la sua delegazione dall’esecutivo; ma tutto dipende da quello che vorrà fare Giuseppe Conte.Noi avevamo l’esigenza di un confronto a tutto campo, è necessario rifare un accordo di governo, su che cosa necessita questo Paese oltre l’emergenza”, prosegue Bellanova che, alla domanda di Porro sull’eventualità di lasciare il suo posto al Ministero, rispolvera l’inglese: “Sono impegnata, ma se si vogliono solo yes man posso tornare alla mia vita“.

Leggi anche: Recovery Plan: concluso il confronto con Conte, Italia viva congela la crisi

Facendo un passo indietro, lo scontro tra Italia Viva e Palazzo Chigi si è aperto sulla questione del Recovery. Una brevissima e impercettibile tregua tra Matteo Renzi e la maggioranza è durata solo qualche giorno, il tempo dei festeggiamenti di Natale. Fin dalla sua intervista al quotidiano spagnolo El Pais, il leader di Italia Viva non ha smesso quasi mai di andar contro Giuseppe Conte, minacciando di far cadere il governo. Crisi che, specie in vista delle ultime parole di Renzi – “L’esperienza del Conte 2 per me è già archiviata. Se volete discutiamo sul dopo“, avrebbe detto – sembra essere una certezza.

Leggi anche: Crisi di governo, Renzi attacca ancora l’esecutivo e flirta con il centrodestra

Tra l’altro, neanche la possibilità di un rimpasto di governo sembra spaventare e dare freno a Matteo Renzi. Il leader di Iv è sempre più deciso ad aprire la crisi, ma perché? Le ipotesi più probabili sono due: un’altra maggioranza, magari in sinergia con il centrodestra. Oppure, un cambio al vertice con la sostituzione di Giuseppe Conte come Premier.