Sara Tommasi si sposa: a marzo nozze con il manager Antonio Orso

Dopo il periodo difficile vissuto qualche anno fa, Sara Tommasi adesso è pronta a fare il grande passo in primavera.

Sara Tommasi

È ufficiale: Sara Tommasi si sposa. Ad annunciarlo è il direttore di Novella 2000 Roberto Alessi su Libero: la showgirl convolerà a nozze con il suo manager Antonio Orso nel marzo del 2021. La dichiarazione, a soli tre mesi di distanza dal momento in cui verrà celebrato il matrimonio, ha sorpreso tutti.

Sara Tommasi e Antonio Orso

Il passato difficile di Sara Tommasi

Dalle parole di Alessi si evince che Sara Tommasi adesso è una persona molta diversa rispetto a qualche tempo fa. Nel febbraio 2011, infatti, la Tommasi era stata coinvolta nel caso Ruby che vedeva come parte in causa l’allora Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Appena un anno dopo, era stato diffuso un suo film pornografico in cui compariva come attrice. Da allora, era entrata in pericoloso tunnel fatto di eccessi che l’hanno portata al ricovero, seguito da una cura per forte depressione. Durante la sua partecipazione a “Live – Non è la D’Urso” lo scorso anno, ha confidato anche di essere affetta dal disturbo bipolare e di essere in cura per poter condurre una vita normale. Il suo sogno è quello di poter approdare ad un reality show per farsi conoscere realmente dal pubblico del piccolo schermo.

LEGGI ANCHE: Live Non è La D’Urso , svelati i compensi degli ospiti: cifre da capogiro

Adesso, però, Sara Tommasi è cambiata. Finalmente è riuscita a ritrovare la serenità grazie anche all’affetto della sua famiglia e all’amore del fidanzato, ora promesso sposo. Inoltre, come mostra sui suoi canali social, attualmente è impegnata nella lotta alla violenza sulle donne. A tal proposito, ha inciso due brani musicali: “Impara ad amarti” (disponibile su tutte le piattaforme digitali dal 3 gennaio) e “Vis a vis” che uscirà solo sulle piattaforme digitali e, poi, su Youtube. I proventi delle due canzoni saranno devoluti all’associazione “Movimento contro ogni violenza sulle donne”.