Antonio muore a soli 18 anni mentre faceva ginnastica in casa

Antonio muore a soli 18 anni mentre faceva ginnastica in casa. Lo ha trovato il padre, farmacista, che inutilmente ha cercato di salvarlo

Antonio Lattuneddu-Meteoweek.com

 

Si è spento a soli 18 anni Antonio Lattuneddu, figlio di Caterina e Alberto. Il padre è titolare di una farmacia e presidente di Federfarma, ente che raggruppa le varie farmacie di Forlì-Cesena. Alberto ha trovato il figlio a terra alle 20:30 di lunedì 4 gennaio. Antonio stava facendo ginnastica in casa, in un’area adibita a palestra all’interno dell’abitazione. Purtroppo le condizioni del ragazzo erano già molto serie quando il padre lo ha trovato e nonostante abbia tentato di fargli un massaggio cardiaco in attesa dei soccorso, il giovane non si è più ripreso.

Leggi anche:—>Perde il controllo della moto e finisce contro un palo: Andrea muore a soli 14 anni

Antonio amava lo sport. L’autopsia, prevista per domani, stabilirà cosa sia accaduto al ragazzo. Il padre Alberto lo ricorda come “un ragazzo sano, speciale“. Antonio amava praticare nuoto, sci, pallanuoto, tennis. La famiglia del giovane era tornata a Forlì domenica scorsa, dopo qualche giorno di vacanza a Cortina. Antonio aveva preso parte alle giornate “arancioni” ed escursioni di sci alpinismo.

Leggi anche:—>Attacchi informatici a “pioggia” anche per captare info sui vaccini

Mi aveva mandato fotografie meravigliose”, ricorda il papà.”Era un romantico, e i suoi scatti lo dimostravano.Amava la natura e gli spazi aperti“. Antonio faceva il quinto liceo scientifico a Cesena ed era fidanzato con Lucia da circa un anno. Antonio voleva studiare farmacia e questo aveva fatto molto piacere a suo padre, tant’è che il giorno di Natale glielo aveva comunicato:”Babbo, ho deciso di iscrivermi a Farmacia, ho già fatto qualche colloquio con la Facoltà“. “Per me è stata una sorpresa, non me ne aveva parlato”, prosegue Alberto Lattuneddu. “Gli ho detto ‘chissà come sarà contenta la nonna, sarai la terza generazione di farmacisti in famiglia’. Eravamo in montagna. Dopo quelle parole, andammo insieme a guardare il cielo stellato”. Il padre ricorda il figlio con una citazione di Sant’Agostino:”Spero avesse ragione nella sua preghiera quando diceva: ‘La morte non è niente. Sono solamente passato dall’altra parte: è come fossi nascosto nella stanza accanto. Io sono sempre io e tu sei sempre tu”.