Anziana spara e uccide il marito: “Erano le 12, non voleva alzarsi dal letto”

A Forlì un’82enne spara al marito, vigile in pensione, con la sua vecchia pistola d’ordinanza. “Era mezzogiorno, ma non voleva alzarsi dal letto”

forlì spara e uccide marito non voleva alzarsi dal letto

Mauro Mazzotti, 83 anni, vigile urbano in pensione, è morto dopo tre ore di agonia. Ucciso, come ricostruisce Il Resto del Carlino, dalla moglie Bianca Maria Albonetti, di 82 anni, nella loro abitazione di via Benini a Forlì. La donna gli avrebbe sparato a bruciapelo alla schiena con una calibro 22, legalmente detenuta dall’uomo. Un solo colpo, esploso a breve distanza, che avrebbe leso gli organi interni dell’uomo. Il tutto sarebbe avvenuto attorno a mezzogiorno. A quel punto l’urlo disperato: “Chiamate il 118!”. Ordine prontamente eseguito dalla vicina del piano di sopra. Portato via in barella, prima di morire, l’83enne avrebbe detto alcune parole in difesa della donna: “Mia moglie è malata, non capisce… lasciatela stare. Ha l’Alzheimer…”. Poi è spirato all’ospedale di Cesena.

L’anziana non era lucida

Arrestata per omicidio volontario, Bianca Maria non andrà in carcere ma in una struttura protetta. L’82enne è stata immediatamente sentita dai poliziotti al primo piano dell’abitazione del delitto. I suoi frangenti di lucidità – secondo fonti investigative citate dal quotidiano – “erano pochissimi”. Per questo l’interrogatorio, negli uffici di corso Garibaldi, coordinato dal sostituto procuratore Fabio Magnolo, è stato subito interrotto. Anche perché l’avvocato difensore, nominato dalla figlia di Bianca Maria, avrebbe informato gli inquirenti che la propria assistita non fornirà alcuna indicazione sul caso al momento.

forlì spara e uccide marito non voleva alzarsi dal letto

LEGGI ANCHE: Roma, moglie accoltellata alla gola dal marito 70enne

La pistola era del marito

Restano le parole di lei messe a verbale dagli agenti delle volanti, una sorta di confessione a caldo che sarebbe stata riportata dai primi soccorritori del 118. Ma le domande restano tante sui rapporti tra i due, sposati da 40 anni. “Era mezzogiorno – avrebbe detto la donna al 118 – e lui non s’era ancora alzato. Gli ho detto: ‘alzati, basta stare a letto!’, ma lui niente… e allora ho preso la pistola, la sua… lui la teneva sempre sotto il cuscino. Ho sentito uno sparo”.

LEGGI ANCHE: Perde il controllo della moto e si schianta: Andrea muore a 14 anni

Quella calibro 22 sarebbe – stando ai primi riscontri – la vecchia pistola d’ordinanza di Mauro, vigile urbano fino agli anni ’80, prima di essere trasferito all’Ufficio edilizia del Comune. Arma denunciata, così come i due fucili da caccia della vittima. I coniugi e la figlia sono incensurati. L’unico “noto” alle forze dell’ordine, riferisce Il Resto del Carlino, sarebbe il figlio, che soffre di problemi psichiatrici. Ora non abita più con i genitori, ma in passato polizia e carabinieri sarebbero interventi per le sue intemperanze domestiche.