Covid, saturimetri gratis nelle farmacie: cosa sono e come funzionano

Nelle farmacie arrivano 30mila saturimetri, strumento indispensabile per capire quanto e come respiriamo se siamo a rischio Covid

Covid Saturimetri
Nelle farmacie italiane disponibili 30mila saturimetri gratuitamente (Getty Images)

In Italia in questi mesi di lotta al Covid si sono venduti migliaia di saturimetri: sono strumenti di facile utilizzo che consentono di capire quanto ossigeno arrivi ai nostri polmoni e se ci sono difficoltà di carattere respiratorio.

Saturimetri contro il Covid

Da oggi ben 30mila saturimetri saranno messi a disposizione gratuitamente nelle farmacie italiane per un controllo rapido della funzione respiratoria. Lo ha annunciato all’Ansa Luca Richeldi, presidente della Società italiana di pneumologia e componente del Comitato tecnico scientifico. L’iniziativa è in collaborazione con Federfarma e coinvolgerà 1200 farmacie in tutta Italia. L’obiettivo è quello di mantenere alto il livello del monitoraggio, ma anche di prevenire le complicanze gravi legate al Covid.

LEGGI ANCHE > Cina, nuovo picco di contagi: l’OMS lancia l’emergenza

Come funziona

Il saturimetro si collega a una falange, di solito quella dell’indice: non è invasivo e non è doloroso. Un led illumina il sensore e dopo pochi secondi sullo schermo compaiono i valori della saturazione di ossigeno del sangue e la frequenza cardiaca. Dal 95% in su è tutto normale. Se il livello è inferiore all’85% ci sono problemi ed è meglio avvertire il medico.

Intanto prosegue la campagna di vaccini: a ieri risultano 643mila vaccinati in Italia con qualche eccellenza e qualche regione ancora in affanno (in particolare la Lombardia). Ma il nostro paese è uno di quelli che vive con maggiore efficacia la campagna. Oggi arriveranno nuovi vaccini: intanto è stato definitivamente chiaro che il richiamo del vaccino

Pfizer-BioNTech dovrà essere effettuato dopo 21 giorni dalla prima iniezione.