Twitter presenta Birdwatch: un nuovo strumento contro la disinformazione

Si chiama Birdwatch ed è una nuova applicazione  che andrà a implementare i servizi di sicurezza di Twitter contro le fake news

Twitter
Twitter lancia negli Stati Uniti un servizio per il controllo delle notizie
(Getty Images)

La nuova scommessa di Twitter sul fronte dell’informazione corretta ed equilibrara partirà direttamente dagli utenti, e si chiama Birdwatch.

Twitter e le notizie a rischio

L’idea è di rendere la vastissima platea del social network americano controllore di tutto quello che viene pubblicato e diffuso nel tentativo di ridurre al massimo la diffusione di fake news, o di notizie lesive. Un caso che nasce da quelle che sono state le ultime tensioni sui social network seguite alla campagna elettorale che ha avuto per protagonisti Biden e Trump.

Un evento molto faticoso anche per Twitter che si è trovata a dover bannare, sospendere o addirittura cancellare migliaia di utenti. Un ruolo di sorveglianza che inizialmente non sembrava dover rientrare negli obblighi del social network.

LEGGI ANCHE > Twitter chiude l’account di Trump che reagisce: “Non ci zittiranno”

Il meccanismo di Birdwatch

Birdwatch deve il suo nome proprio all’uccellino, simbolo del social network. Letteralmente il birdwatching  è una passione che coinvolge migliaia di persone in ogni parte del mondo. Osservare silenziosamente la vita degli uccelli. Il lavoro di sorveglianza qui invece sarà concentrato su messaggi e contenuti. Il meccanismo di Birdwatch è molto semplice.

Il progetto pilota parte proprio dagli Stati Uniti: “Miriamo a rendere le note visibili direttamente sui tweet – spiega  il vice presidente di Twitter, Keith Colemanogni volta che le notizie riscontreranno un consenso da un panel ampio e diversificato di contributori”.

In gergo si definisce ‘reputation’. E non è diversa da quelle che sono le ‘recensioni’ che su Google, ormai da diversi anni, compaiono accanto a ristoranti, alberghi, negozi e aziende.

Di Birdwatch si conosce solo l’idea generale. Non i dettagli. Ma il senso è che siano gli stessi utenti e contributori del social network a segnalare tweet con notizie false, tendenziose o non verificate.