Il cuore tenerissimo di Maria | Il Vangelo di oggi Sabato 12 Giugno 2021

Non dimentichiamoci mai di rivolgerci al cuore tenerissimo e pieno di sollecitudine di Maria: lei è lieta di esaudire i suoi figli

Il cuore tenerissimo di Maria
Il cuore tenerissimo di Maria | Il Vangelo di oggi Sabato 12 Giugno 2021 – meteoweek.com

Liturgia di oggi Sabato 12 Giugno 2021

  • CUORE IMMACOLATO DELLA BEATA VERGINE MARIA – MEMORIA

Esulterà il mio cuore nella tua salvezza,
canterò al Signore,
che mi ha beneficato. (Sal 12,6)

Prima Lettura

Gioisco pienamente nel Signore.
Dal libro del profeta Isaìa
Is 61,9-11

Sarà famosa tra le genti la loro stirpe,
la loro discendenza in mezzo ai popoli.
Coloro che li vedranno riconosceranno
che essi sono la stirpe benedetta dal Signore.
Io gioisco pienamente nel Signore,
la mia anima esulta nel mio Dio,
perché mi ha rivestito delle vesti della salvezza,
mi ha avvolto con il mantello della giustizia,
come uno sposo si mette il diadema
e come una sposa si adorna di gioielli.
Poiché, come la terra produce i suoi germogli
e come un giardino fa germogliare i suoi semi,
così il Signore Dio farà germogliare la giustizia
e la lode davanti a tutte le genti.

Parola di Dio.

Salmo Responsoriale – Cant. 1Sam 2,1.4-8

R. Il mio cuore esulta nel Signore, mio salvatore.

Il mio cuore esulta nel Signore,
la mia forza s’innalza grazie al mio Dio.
Si apre la mia bocca contro i miei nemici,
perché io gioisco per la tua salvezza. R.

L’arco dei forti s’è spezzato,
ma i deboli si sono rivestiti di vigore.
I sazi si sono venduti per un pane,
hanno smesso di farlo gli affamati.
La sterile ha partorito sette volte
e la ricca di figli è sfiorita. R.

Il Signore fa morire e fa vivere,
scendere agli inferi e risalire.
Il Signore rende povero e arricchisce,
abbassa ed esalta. R.

Solleva dalla polvere il debole,
dall’immondizia rialza il povero,
per farli sedere con i nobili
e assegnare loro un trono di gloria. R.

Il Vangelo di oggi Sabato 12 Giugno 2021

Tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo.
Dal Vangelo secondo Luca
Lc 2,41-51

I genitori di Gesù si recavano ogni anno a Gerusalemme per la festa di Pasqua. Quando egli ebbe dodici anni, vi salirono secondo la consuetudine della festa. Ma, trascorsi i giorni, mentre riprendevano la via del ritorno, il fanciullo Gesù rimase a Gerusalemme, senza che i genitori se ne accorgessero. Credendo che egli fosse nella comitiva, fecero una giornata di viaggio, e poi si misero a cercarlo tra i parenti e i conoscenti; non avendolo trovato, tornarono in cerca di lui a Gerusalemme.

Dopo tre giorni lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai maestri, mentre li ascoltava e li interrogava. E tutti quelli che l’udivano erano pieni di stupore per la sua intelligenza e le sue risposte.
Al vederlo restarono stupiti, e sua madre gli disse: «Figlio, perché ci hai fatto questo? Ecco, tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo». Ed egli rispose loro: «Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?». Ma essi non compresero ciò che aveva detto loro. Scese dunque con loro e venne a Nàzaret e stava loro sottomesso. Sua madre custodiva tutte queste cose nel suo cuore.

Parola del Signore.

Il cuore tenerissimo di Maria | Il Vangelo di oggi Sabato 12 Giugno 2021

Il cuore di Maria è il cuore umile e silenzioso che, in quel silenzio, serba tutte le parole di Gesù dentro di sé. Maria, oltre che Madre, è la prima discepola di Gesù, la prima silenziosa annunciatrice del Vangelo, con il suo operato che, nel nascondimento e nell’umiltà, riflette perfettamente la luce di Dio. Oggi si festeggia proprio il Cuore Immacolato di Maria, un cuore esente dal peccato, e per questo specchio e modello di ogni perfezione. Pur se senza macchia, il cuore di Maria non è stato esente da sofferenze.


Il commento al Vangelo di ieri


Maria più di tutti ha vissuto la Passione di Gesù e quindi è colei che più di tutti ha sofferto con il Figlio e per il Figlio, oltre che per tutta l’umanità. In questo episodio si vede la sua preoccupazione che però non usa parole di rimprovero, ma chiede spiegazioni, e anche quando non comprende, non giudica, ma accoglie e si fida. Non dimentichiamoci mai di rivolgerci al cuore tenerissimo e pieno di sollecitudine di Maria: lei è lieta di esaudire i suoi figli che con fiducia le si rivolgono per implorare a Gesù le grazie necessarie.