Femminicidio a Ventimiglia, sui social le foto di Vicari con le armi

Il femminicidio di Ventimiglia, in cui la 30enne Sharon Micheletti è stata uccisa dall’ex compagno, sembra essere una tragedia annunciata. Almeno da quanto emerge dal profilo Facebook del 64enne Antonio Vicari, che dopo aver ucciso la ragazza si è allontanato e si è suicidato.

Su Facebook Antonio Vicari, l’omicida di Sharon Micheletti, otto anni fa aveva alcune foto in cui brandiva pistole e mitragliatrici. Ancora più inquietanti, però, sono i post più recenti, scritti nei giorni scorsi. “Ciao figlio mio, spero di rivederti al più presto”, scriveva l’uomo il 6 maggio scorso, in un post dedicato al figlio Cristian, morto a 17 anni nel 2001, dopo essere caduto da un dirupo ad Airole, mentre si trovava con degli amici. Il 31 maggio, invece, Vicari aveva scritto: “Bene, abbiamo preso una strada senza via di uscita“. Il 2 giugno, infine, l’ultimo post, quello che lasciava presagire la tragedia: “Pensa bene, che anche quando dormi io sono lì vicino, figurati quando sei con l’amante, non c’è posto che puoi nasconderti“.

Antonio Vicari, che in passato era finito in carcere per molestie nei confronti dell’ex moglie, era stato denunciato nel marzo scorso da Sharon Micheletti, che lo accusava di averla minacciata. Quell’allarme sembra essere stato sottovalutato, dal momento che ieri il 64enne ha atteso la ragazza in un bar, dove era arrivata con un amico.

LEGGI ANCHE: Strage di Ardea: “Pattuglia carabinieri passata 5 minuti prima”

Antonio Vicari in posa per i social mentre brandisce un’arma

L’uomo era sceso dall’auto ed entrato nel bar per compare le sigarette e a quel punto Vicari è entrato in azione, avvicinandosi alla vettura e sparando due o tre colpi, attraverso il finestrino, contro Sharon. Vicari avrebbe voluto colpire anche l’amico della ragazza, ma la titolare del bar, dopo aver sentito i colpi, aveva chiuso a chiave la porta. A quel punto, l’uomo è fuggito verso il fiume e lì si è tolto la vita.

LEGGI ANCHE: Precipitano in una cascata, una persona è morta l’altra è gravissima

Dai primi accertamenti dei carabinieri, Antonio Vicari avrebbe utilizzato una pistola semiautomatica calibro 7,65. La mamma di Sharon Micheletti, Anna Scordo, è ovviamente distrutta dal dolore. “Amore mio, cuore di mamma Anna, non mi do pace perché non ci sei più, vita mia. Se n’è andata via una parte di me. Non si può morire a 30 anni, così giovane, il fiore della tua gioventù. La tua famiglia è distrutta, ti amavamo tantissimo, ti amo figlia mia», lo sfogo di dolore della donna sui social.