Covid, GB: 120 medici in una lettera su Lancet chiedono a Johnson di frenare le riaperture

Più di 120 medici hanno chiesto al Premier britannico Johnson di non procedere con le riaperture in una lettera aperta su Lancet. Secondo i medici sarebbe troppo rischioso e pericoloso eliminare tutte le restrizioni anti-covid, date le varianti.

lettera lancet gb

Sulla rivista scientifica più autorevole, 122 scienziati e medici hanno scritto una lettera al primo ministro britannico. Tra i firmatari anche Sir David King, ex consigliere capo scientifico del governo, e il dottor Chaand Nagpaul, presidente della British Medical Association. Gli scienziati chiedono su Lancet a Boris Johnson di rivedere la sua decisione riguardo le riaperture. Revocare tutte le restrizioni anti-covid sarebbe troppo rischioso. La Gran Bretagna, infatti, ha deciso di revocare tutte le restrizioni dal prossimo 19 luglio. Ma per i medici, dato il dilagare della variante Delta “è un esperimento pericoloso, illogico e anti etico”. Riaprire tutto significherebbe “fornire terreno fertile all’emergere di nuove varianti resistenti ai vaccini”.

LEGGI ANCHE: Uccide due sorelle per un “patto col diavolo”. Sperava di vincere la lotteria

Il ministro della Salute Sajid Javid ha parlato del rischio di 100mila nuovi casi di Covid-19 al giorno questa estate. Ipotesi confermata dai medici che hanno avvertito come l’infezione colpisca ora ”in modo sproporzionato” i più giovani, la maggior parte dei quali non vaccinata. “Alla luce di questi gravi rischi, e dato che la vaccinazione offre la prospettiva di raggiungere rapidamente lo stesso obiettivo dell’immunità della popolazione senza incorrere in rischi, consideriamo non etica e illogica qualsiasi strategia che tolleri un alto livello di contagi“, si legge nella lettera.