Confcommercio su consumi: ancora distanti da livelli pre-Covid

Il ritorno alla normalità, a causa delle varianti e della risalita dei contagi potrebbe essere ancora lontano, nonostante sia in atto una ripresa dei consumi

Consumi-Meteoweek.com

Con il ritorno a una sorta di normalità data la riapertura di quasi tutte le attività commerciali, nonostante vi siano ancora vincoli legati alla mobilità internazionale e allo svolgimento di alcuni esercizi, c’è stato, nel mese di giugno 2021, un aumento, su base annua, dell’Indicatore dei Consumi Confcommercio pari al 7,7%. Lo fa sapere la stessa Confcommercio.

Tranne diverse eccezioni, a giugno e nella prima parte di luglio le attività «sono ritornate a una sostanziale normalità. Se l’avanzamento della campagna vaccinale lascia ben sperare per il prossimo futuro, l’emergere delle varianti del virus e il riacutizzarsi dei contagi potrebbero portare a misure volte a governare e, di fatto, contenere, la mobilità internazionale e interna. Tale eventualità toglierebbe vigore alla ripresa, pur non compromettendola», spiega la Confcommercio.

Leggi anche:—>Codacons attacca:«Obbligo Green Pass in Italia? Lede diritti inviolabili, ci opporremo»

La conseguenza, sarebbe che l’incremento non si divulgherebbe sufficientemente in ogni settore, impedendo ad alcuni, come la filiera turistica, il ritorno a livelli di attività che aveva prima del Covid almeno per un altro anno se non poco più.