Nell’intimo del nostro cuore | Il Vangelo di oggi Mercoledì 21 Luglio 2021

La fede è credere alla storia vera della salvezza di Dio per noi, che si basa sul terreno che abbiamo nell’intimo del nostro cuore

Nell'intimo del nostro cuore
Nell’intimo del nostro cuore | Il Vangelo di oggi Mercoledì 21 Luglio 2021 – meteoweek.com

Liturgia di oggi Mercoledì 21 Luglio 2021

  • MERCOLEDÌ DELLA XVI SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO DISPARI)

Ecco, Dio è il mio aiuto,
il Signore sostiene la mia vita.
A te con gioia offrirò sacrifici
e loderò il tuo nome, o Signore, perché tu sei buono.(Sal 54,6.8)

Prima Lettura

Io sto per far piovere pane dal cielo per voi.
Dal libro dell’Esodo
Es 16,1-5.9-15

Gli Israeliti levarono le tende da Elìm e tutta la comunità degli Israeliti arrivò al deserto di Sin, che si trova tra Elìm e il Sinai, il quindici del secondo mese dopo la loro uscita dalla terra d’Egitto.
Nel deserto tutta la comunità degli Israeliti mormorò contro Mosè e contro Aronne. Gli Israeliti dissero loro: «Fossimo morti per mano del Signore nella terra d’Egitto, quando eravamo seduti presso la pentola della carne, mangiando pane a sazietà! Invece ci avete fatto uscire in questo deserto per far morire di fame tutta questa moltitudine».

Allora il Signore disse a Mosè: «Ecco, io sto per far piovere pane dal cielo per voi: il popolo uscirà a raccoglierne ogni giorno la razione di un giorno, perché io lo metta alla prova, per vedere se cammina o no secondo la mia legge. Ma il sesto giorno, quando prepareranno quello che dovranno portare a casa, sarà il doppio di ciò che avranno raccolto ogni altro giorno».

Mosè disse ad Aronne: «Da’ questo comando a tutta la comunità degli Israeliti: “Avvicinatevi alla presenza del Signore, perché egli ha inteso le vostre mormorazioni!”». Ora, mentre Aronne parlava a tutta la comunità degli Israeliti, essi si voltarono verso il deserto: ed ecco, la gloria del Signore si manifestò attraverso la nube.
Il Signore disse a Mosè: «Ho inteso la mormorazione degli Israeliti. Parla loro così: “Al tramonto mangerete carne e alla mattina vi sazierete di pane; saprete che io sono il Signore, vostro Dio”».

La sera le quaglie salirono e coprirono l’accampamento; al mattino c’era uno strato di rugiada intorno all’accampamento. Quando lo strato di rugiada svanì, ecco, sulla superficie del deserto c’era una cosa fine e granulosa, minuta come è la brina sulla terra.
Gli Israeliti la videro e si dissero l’un l’altro: «Che cos’è?», perché non sapevano che cosa fosse. Mosè disse loro: «È il pane che il Signore vi ha dato in cibo».

Parola di Dio.

Salmo Responsoriale – Dal Sal 77/78

R. Diede loro frumento dal cielo.

Nel loro cuore tentarono Dio,
chiedendo cibo per la loro gola.
Parlarono contro Dio,
dicendo: «Sarà capace Dio
di preparare una tavola nel deserto?». R.
Diede ordine alle nubi dall’alto
e aprì le porte del cielo;
fece piovere su di loro la manna per cibo
e diede loro pane del cielo. R.

L’uomo mangiò il pane dei forti;
diede loro cibo in abbondanza.
Scatenò nel cielo il vento orientale,
con la sua forza fece soffiare il vento australe. R.

Su di loro fece piovere carne come polvere
e uccelli come sabbia del mare,
li fece cadere in mezzo ai loro accampamenti,
tutt’intorno alle loro tende. R.

pane vino
meteoweek.com

Il Vangelo di oggi Mercoledì 21 Luglio 2021

Una parte del seme cadde sul terreno buono e diede frutto.
Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 13, 1-9

Quel giorno Gesù uscì di casa e sedette in riva al mare. Si radunò attorno a lui tanta folla che egli salì su una barca e si mise a sedere, mentre tutta la folla stava sulla spiaggia.

Egli parlò loro di molte cose con parabole. E disse: «Ecco, il seminatore uscì a seminare. Mentre seminava, una parte cadde lungo la strada; vennero gli uccelli e la mangiarono. Un’altra parte cadde sul terreno sassoso, dove non c’era molta terra; germogliò subito, perché il terreno non era profondo, ma quando spuntò il sole, fu bruciata e, non avendo radici, seccò. Un’altra parte cadde sui rovi, e i rovi crebbero e la soffocarono. Un’altra parte cadde sul terreno buono e diede frutto: il cento, il sessanta, il trenta per uno. Chi ha orecchi, ascolti».

Parola del Signore.

Nell’intimo del nostro cuore | Il commento al Vangelo di oggi Mercoledì 21 Luglio 2021

Gesù fa capire che attraverso la sua Parola passa la comprensione del mistero del Regno di Dio. Ebbene, un mistero resta un mistero, ma a chi accoglie ciò che Dio ci dice ha quel germoglio in sé che non muore e che permette di avere vivo dentro di sé quel regno dei cieli che, lo si capisca o no, è parte di noi.

E cos’è il Regno se non la vita eterna? La Parola di Gesù è parola per la vita eterna. Non lasciamo che il maligno ci porti via la parola di Dio senza che potessimo aver capito nulla (quando il seme cade sulla strada). Non lasciamo che alla prima difficoltà la nostra stessa fede venga meno (il terreno sassoso), o che le preoccupazioni che ci dà il mondo (il terreno con i rovi) ce la portino via.


Il commento al Vangelo di ieri:


Ma, affinché possiamo convertirci e aver parte della Vita, accogliamola con un cuore limpido (il terreno buono), con lo sguardo dei bambini quando viene raccontata loro una storia: la fede è credere alla storia vera della salvezza di Dio per noi, che si basa sul terreno che abbiamo nell’intimo del nostro cuore. Se saprà accogliere Dio, allora porterà molto frutto.