Crif, mercato automobilistico in crescita: maggiori richieste di finanziamenti

Nel mercato automobilistico, come ricorda il Crif, stanno crescendo le richieste per l’erogazione di prestiti finalizzati all’acquisto di vetture.

A fronte di una dinamica negativa delle immatricolazioni, che a luglio hanno visto una flessione del -19,4% rispetto al 2020 e del -28,1% rispetto al 2019, il mercato Automotive sta trovando sostegno nel recupero delle erogazioni di prestiti finalizzati all’acquisto di auto, che nella prima parte dell’anno in corso sono cresciute del +71,2%, tornando su volumi prossimi a quelli pre-pandemia.

Mercato automobilistico, aumentano le richieste di finanziamenti e gli importi medi

Gli italiani si rivolgono agli istituti di credito per sostenere progetti di spesa impegnativi come quello di acquistare un’autovettura trova conferma anche nell’andamento della domanda di finanziamenti finalizzati: nel I semestre dell’anno le richieste di prestiti auto registrate sul Sistema di informazioni creditizie di Crif hanno fatto segnare un significativo +51,8% rispetto alla prima metà del 2020, beneficiando sia dello stimolo derivante dagli incentivi statali sia di condizioni di offerta ancora appetibili.

Leggi anche -> “Tante giornaliste sportive solo bellezza e mai competenza”, Paola Ferrari, lancia una nuova frecciata a Diletta Leotta?

“ Il recupero dei finanziamenti finalizzati all’acquisto di un’auto va confrontato con una prima metà del 2020 condizionata dalla diffusione della pandemia e dalle conseguenti misure restrittive che avevano frenato il mercato. Va però sottolineato come i volumi siano tornati su livelli prossimi a quelli pre-Covid grazie soprattutto al rimbalzo di marzo, aprile e maggio. Per il prossimo futuro si prevede che la domanda di prestiti possa crescere ancora, stimolata dalla fiducia dei consumatori e dal consolidamento della ripresa economica. Sul fronte della distribuzione, invece, da segnalare il costante aumento delle richieste di finanziamento veicolate sul canale online, favorito dalla crescente digitalizzazione dei processi del credito”, ha dichiarato Elisabetta Pancaldi, senior director di Crif.

Leggi anche -> Afghanistan, critiche a Stati Uniti e UE: “Regali a Talebani, grazie Biden”

Ad aumentare è stato l’importo medio dei prestiti auto richiesti, che a fine giugno si è attestato a 16.044 euro, +5,0% rispetto al corrispondente periodo 2020. Quasi la metà delle richieste di prestiti auto è stata presentata da consumatori di età compresa tra i 35 e i 54 anni di età.

Relativamente all’andamento delle richieste di prestiti auto nelle diverse regioni del Paese, la rilevazione di Crif mostra un andamento positivo in Umbria (+22%), Valle d’Aosta (+16,4%) e Abruzzo (+16,2%) compensato dalle flessioni registrate nelle Marche (-5,4%), in Toscana (-9,2%), in Molise (-11,8%). In leggero calo le richieste in Piemonte (-0,9%) e in Lombardia (-1,6%). Relativamente agli importi medi richiesti, invece, nel mese di giugno il primato spetta al Trentino-Alto Adige, con 18.909 euro, seguito dalla Valle d’Aosta, con 17.703 euro. All’estremo opposto della classifica si collocano la Basilicata, con 14.759 euro di media, e il Molise, con 14.496 euro.