La Madonna ha un abito troppo vistoso, il sacerdote glielo toglie

Don Sergio Messina ha tolto un abito di stoffa ritenuto “troppo sfarzoso ” alla statua della Madonna del Santuario di Nostra Signora di Loreto in Piemonte

madonna-Meteoweek.com

La Madonna nera del Santuario di Nostra Signora di Loreto Forno Alpi Graie, in Piemonte, indossava, a detta di don Sergio Messina, un abito troppo vistoso, fatto di stoffa con ricami dorati. Per questa ragione, il sacerdote ha deciso di “spogliare” la statua. «Amo le cose semplici», ha detto il prete, come riporta La Stampa.

«Chi mi conosce sa che don Sergio sogna una Chiesa povera», ha detto il prete ai residenti e ai villeggianti che hanno polemizzato con la sua decisione. Il sacerdote ha precisato di non voler cambiare idea così facilmente e di essersi soltanto attenuto fedelmente alla vita di Maria che era «una donna povera». Esorta poi chi non concorda a prendere appuntamento con lui o con l’arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia.

Leggi anche:—>Barista schiacciata contro un muro e stuprata: rientrava a casa da lavoro

Il Santuario in questione si trova all’ingresso del Vallone di Sea, a 1.340 m di altitudine e ci si arriva salendo 444 gradini. In questo punto, il 30 settembre 1630, Pietro Garino, un uomo che viveva a Torino ma era di Forno Alpi Graie, ebbe la visione della Madonna nera, tra due donne, che gli fece una promessa. Maria gli disse che la peste portata dai Lanzichenecchi sarebbe terminata.

Maria apparve all’uomo con indosso un velo verde in capo e una lunga veste d’argento splendente di gemme e gioielli. L’abito è stato quindi realizzato secondo la visione e d’ora in poi i fedeli non lo vedranno più.

Leggi anche:—>Nega il vaccino a una donna incinta:«Torni col certificato del ginecologo»

Tuttavia, non si tratta della statua originale, trafugata nel 1977 e purtroppo mai rinvenuta. La copia fu fatta produrre in Trentino negli anni successivi e dopo tempo fu rimessa sull’altare. Era il 12 agosto 1989 quando fu riposizionata e in paese ci fu una grande festa. Oggi i fedeli vedono la decisione di don Sergio come una sorta di affronto e la polemica potrebbe non cessare fino al prossimo 30 settembre, giorno in cui ricorre l’apparizione di Maria.