Amministrative 2021, la Lega è ormai un’ombra nel centrodestra

La Lega esce nettamente sconfitta dalle votazioni di queste ultime amministrative 2021, confermandosi un’ombra nel panorama del centrodestra. 

Si sono concluse le amministrative 2021, con molte città che al primo turno hanno potuto contare su un risultato chiaro e deciso. Il bilancio di queste elezioni amministrative è stato senza dubbio una cartina italiana di colore rosso. Il centrosinistra ha vinto al primo turno in tre delle principali città in gioco, mentre si prepara al ballottaggio a Torino e a Roma. Eppure, la conquista della Capitale resta la palla più grande. A Roma, la città che esce da anni di reggenza di Virginia Raggi, potrebbe presto insediarsi il centrodestra. Per quest’ultimo, il quadro è negativo quasi ovunque, tranne in Calabria dove si riconferma alla guida della Regione. Sta di fatto che ad uscire maggiormente sconfitto dalle ultime votazioni è stata proprio la Lega, che nella Capitale si è fermato ad un 5,93 per cento e 60mila voti, quasi la metà rispetto a quelli ottenuti dal Movimento 5 Stelle. Eppure, alle europee, il partito di Matteo Salvini era arrivato a conquistare quasi 300mila voti, pari al 25 per cento delle preferenze, confermandosi partito a Roma dietro al Pd ma avanti a Fratelli d’Italia che, invece, alle comunali ha ricevuto oltre 176mila voti pari al 17,4 per cento delle preferenze. Eppure, come riporta Fanpage, i votanti sono stati uguali: 1.100 romani a fronte però di percentuali molto più basse.

Leggi anche: Mimmo Lucano e i 13 anni di carcere: ecco come è stata calcolata la dura pena

“Facciamo tesoro degli errori commessi: il centrodestra ha il dovere di scegliere i candidati il prima possibile”, è stato il freddo e secco commento del leader della Lega per commentare i risultati delle amministrative quando ancora i risultati non erano chiaro. Eppure, sembra che Matteo Salvini abbia preferito, come reazione, un puro silenzio. Del resto, cosa dire per riconoscere la sconfitta? E come fare a non riconoscerla?

Leggi anche: Riforma fiscale, Salvini strappa ma Draghi tira dritto: Il governo va avanti

Chi, invece, sembra essere la forza trainante del centrodestra è Giorgia Meloni. Fratelli d’Italia è ormai una delle poche voci credibili e che, comunque, mantiene la capacità di tirare qualche voto. Fratelli d’Italia si può considerare il partito leader della coalizione di centrodestra. FdI ha ricevuto molti più voti di Lega e Forza Italia riuscendo a portare avanti Enrico Michetti, arrivato ballottaggio contro il candidato del centrosinistra Roberto Gualtieri.
Il candidato del centrodestra Enrico Michetti ha totalizzato il 30,15 per cento di consensi al primo turno ed era sostenuto da sei liste collegate: La lista Giorgia Meloni Fratelli d’Italia ha contribuito ad attirare il 17,43 per cento dei voti totali, distaccandosi nettamente dalle altre liste. In confronto, la Lega di Matteo Salvini sparisce.