Per gli anestesisti il Green Pass “è assicurazione contro nuove ondate”

Altri Paesi stanno adottando la stessa misura, secondo l’Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani

Mentre in Italia fioccano manifestazioni e serpeggia la polemica contro il Green Pass, l’Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani (Aaroi-Emac) ha rilasciato una dichiarazione, tramite il suo presidente Alessandro Vergallo, che difende la misura intrapresa dal Governo Draghi.

Secondo Vergallo “le misure per contenere la pandemia da Covid-19 adottate nel nostro Paese come il Green pass, tanto contestato da frange della popolazione che non vogliono accettare la realtà pandemica, vengono in queste ore copiate dagli altri Paesi, più in difficoltà proprio perché non avevano adottato le nostre precauzioni.”

LEGGI ANCHE: Whirlpool: a rischio i lavoratori di Napoli. Il sindacato annuncia sciopero

“Per tutto questo, il certificato verde rappresenta una ‘assicurazione’ contro nuove ondate e, tra l’altro, va a vantaggio soprattutto di quella popolazione che rifiuta di vaccinarsi“, ha dichiarato. “Il Green pass è un indubbio vantaggio – ha aggiunto – ci ha permesso di tornare, quasi, alle attività dell’epoca pre-pandemica. E speriamo di poterlo fare ancora di più non appena la copertura vaccinale raggiungerà il 95% e oltre“.