17 minuti per forzare una gettoniera ignaro di essere filmato: denunciato

Un ladro maldestro ha commesso un furto in una lavanderia ignaro di essere ripreso dalle telecamere di video sorveglianza del negozio: denunciato 

Carabinieri-Meteoweek.com

Un ladro maldestro è entrato in una lavanderia a gettoni a Sant’Ilario d’Enza (Reggio Emilia) e, con molta probabilità, ignaro che le telecamere di video sorveglianza lo stesso riprendendo, ha cominciato a forzare la gettoniera con un piede di porco. A quanto pare si è trattato di un’impresa non semplice dato che ha impiegato 17 minuti prima di impossessarsi del bottino, 150 euro, permettendo alle telecamere di inquadrare il suo viso.

Volto non noto quello del tizio che ha commesso il furto il 2 giugno scorso nella lavanderia, tant’è che gli stessi carabinieri del posto non sono riusciti subito a individuarlo. L’inchiesta è andata avanti per diverso tempo e i militari hanno analizzato i vari filmati grazie a cui sono riusciti a risalire all’auto del ladro con cui si era allontanato dopo aver portato a termine la rapina.

Leggi anche:—>Influenza stagionale, l’Ecdc:«Proseguire con misure anti Covid per combatterla»

L’indagine si è spostata sul proprietario del veicolo risultato poi totalmente estraneo al furto, poiché il suo volto era diverso da quello del ladro.

Leggi anche:—>Covid, anestesisti: «Non c’è preoccupazione per terapie intensive grazie a vaccini»

I militari hanno quindi proseguito a indagare sul giro di frequentazioni del proprietario del mezzo e sono riusciti a risalire all’identità del ladro, che è risultato abitare nella stessa casa del padrone del veicolo. I carabinieri hanno acquisito diversi indizi, tra cui la corrispondenza del volto della persona indagata con quello del ladro, ripreso per 17 minuti mentre rubava. I militari lo hanno denunciato alla Procura di Reggio Emilia per furto aggravato.