Quote rosa, mancano le donne ad X Factor: ma non dovrebbe essere un problema

Giovedì 28 ottobre su Sky e in streaming su Now, arrivano i live di X Factor ma tra i 12 concorrenti, solo 2 sono donne. E la polemica si accende. 

La polemica delle Quote Rosa arriva anche ad X Factor. Giovedì 29 ottobre, alle 21.15, iniziano su Sky Uno e su Tv8 i live di X Factor 2021, con la finale al Forum di Assago che ospiterà, tra gli altri, i Coldplay. «Proprio in virtù del periodo che abbiamo passato, essere il primo grande evento live al Forum ci dà soddisfazione e darà anche tanto entusiasmo ai ragazzi in gara. Anche perché su quel palco con i finalisti ci saranno i Coldplay”, ha commentato Nils Hartmann, senior director Original productions Sky Italia. Ospite invece della prima puntata Carmen Consoli e Paola di Benedetto alla conduzione di Hot Factor, che andrà in onda in coda a ogni puntata. Peccato, però, che tra i partecipanti le donne siano in minoranza.

Leggi anche: Federico Salvatore resta ricoverato, come sta il cantante? Parla la moglie: Lievi progressi

In campo 12 concorrenti, di cui solo due donne: Vale Lp e Nika Paris. Gli animi si sono accesi e l’ennesima sterile polemica di genere ha preso il via. “Da questo punto di vista noi abbiamo un occhio in più a 360 gradi in tutte le nostre produzioni. Il talento non discrimina, quest’anno è andata così, l’anno prossimo magari ci saranno 10 donne”, ha detto Nils Hartmann, Senior Director Original Productions Sky Italia. Sulla stessa onda anche i 4 giudici, Emma, Hell Raton, Manuel Agnelli, Mika che si sono difesi dalle accuse ritenendo le polemiche forzate. “Abbiamo avuto la possibilità di fare scelte su basi artistiche e così è stato”, ha commentato Emma Marrone. E anche per Manuel Agnelli, “gli artisti sono stati valutati come persone e per il loro talento”.

Leggi anche: Green pass, Garante detenuti Ivrea: Draghi come il terrorista Cesare Battisti

Tocca da dare ragione ai giudici. Nuovamente, assistiamo ad una polemica che non ha motivo di essere soprattutto perché, in questo caso, il giudizio si è basato sulle competenze. Anzi, il principio dovrebbe essere esteso anche ad altri campi professionali e istituzionali in cui spesso si attribuisce l’innata competenza all’appartenenza di genere.