Ritrovato morto nella sua abitazione l’attore Paolo Calissano

Ascolta l'audio-articolo

Dai primi accertamenti si ipotizza che Calissano fosse morto già da un paio di giorni

Paolo Calissano-Meteoweek.com

Trovato morto nella sua abitazione a Roma, l’attore Paolo Calissano, noto per fiction di successo anni ’90-2000, tra cui Dottoressa Giò, Linda e il Brigadiere, e Vivere. Da quanto è emerso, in casa gli inquirenti hanno rinvenuto diverse pillole di psicofarmaci. Si ipotizza che sia questa la causa del suo decesso. Calissano, nel 2005, era finito in una brutta vicenda legata al mondo degli stupefacenti: una donna brasiliana perse la vita in casa dell’attore, a Genova, a causa di un’overdose di cocaina. L’attore fu arrestato con l’accusa di averle dato lo stupefacente e fu condannato a quattro anni di prigione. Nel 2008 balzò di nuovo alle cronache per un sinistro stradale dopo il quale risultò positivo al test della droga (sempre cocaina). La carriera di Calissano comincia negli anni ’80 in uno spot tv, per poi partecipare, dal 1993 in poi, in parecchie trasmissioni come Giochi senza frontiere, TSI e Divieto di entrata su Rete 4, con Natalia Estrada. Nel 1995/96 appare su Italia 1 con Samantha De Grenet con 8mm, un programma di filmati di tipo amatoriale. È conosciuto per aver recitato nelle fiction “Dottoressa Giò”, “Per amore”, e nella soap opera “Vivere”, oltre che in “Vento di Ponente”. Nel 2004 ha preso parte a “L’Isola dei Famosi”, ma si fece male al ginocchio e dovette lasciare il programma.

Paolo Calissano-Meteoweek.com

Dopo la vicenda di droga di cui fu protagonista nel 2005, fu condannato a 4 anni e fu liberato per via dell’indulto nel 2007, tornando in scena al Teatro Brancaccio di Roma nel musical “A un passo dal sogno”. Nel 2014 torna in tv intervistato da Barbara D’Urso, a Pomeriggio 5.

Leggi anche:—>Covid, circolare quarantena: ecco chi sono i contatti a basso rischio

Tornando al decesso dell’attore, dopo i primi accertamenti pare che l’attore fosse morto già da due giorni, ma sarà l’esame autoptico a confermare o meno questa ipotesi. Attualmente gli inquirenti ipotizzano che possa aver abusato delle pillole di psicofarmaci che prendeva. I carabinieri ne hanno trovate parecchie scatole nella sua abitazione.

Leggi anche:—>Covid, da lunedì quattro Regioni in zona gialla

I pm indagano per omicidio colposo

I pm di Roma indagano per omicidio colposo in relazione alla morte dell’attore. La fattispecie penale per la quale si procede, in base a quanto si apprende, è legata all’esigenza di effettuare una serie di accertamenti, tra cui l’autopsia che è già stata disposta.