Bollettino coronavirus 2 gennaio: 61.046 contagi, 133 decessi

Il bollettino del ministero della Salute di oggi, 2 gennaio, con i dati riguardanti l’epidemia di Covid-19 in Italia. Gli aggiornamenti dalle Regioni.

Bollettino coronavirus 2 gennaio – MeteoWeek

Sono 61.046 i nuovi contagi da Covid nelle ultime 24 ore (ieri erano stati 141.262). E’ quanto emerge dal bollettino del ministero della Salute, secondo cui le vittime sono 133, mentre ieri erano state 111.

Sono 278.654 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia. Si tratta di un numero nettamente più basso rispetto alle cifre quotidiane dei test effettuati negli ultimi giorni (solo ieri erano stati 1.084.295). Il tasso di positività è balzato al 21,9%, rispetto al 13% di ieri.

Le Regioni

In Emilia-Romagna 9mila nuovi casi, balzo ricoveri nei reparti

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 558.263 casi di positività, 9.090 in più rispetto a ieri, su un totale di 17.490 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 51,9%, un valore non indicativo dell’andamento generale visto il numero di tamponi effettuati, che nei giorni festivi è inferiore rispetto agli altri giorni e soprattutto i tamponi molecolari vengono fatti prioritariamente su casi per i quali spesso è atteso il risultato positivo. Sono 130 i pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna (+6 rispetto a ieri); l’età media è di 63 anni. Sul totale, 93 (quindi il 72%) non sono vaccinati (età media 61,3 anni), mentre 37 sono vaccinati con ciclo completo (età media 66,8 anni). Per quanto riguarda i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid, sono 1.451 (+92 rispetto a ieri), età media 69 anni. Rispetto ai 12.255 nuovi casi registrati ieri, la crescita dei contagi oggi registra un -25,8 (+20,5% ieri), mentre quella dei ricoverati nei reparti Covid un +6,8% e nelle terapie intensive un +4,8%, sempre rispetto a ieri.

Nel Lazio, 7.993 nuovi casi positivi, 5 i decessi

“Di 36.248 tamponi effettuati nel Lazio, si registrano 7.993 nuovi casi positivi (-4.352), sono 15 i decessi (+9), 1.173 i ricoverati (+19), 152 le terapie intensive (-1) e +1.058 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 22%. I casi a Roma città sono a quota 4.631. Siamo al 90,5% di seconde dosi over 12 anni, la fascia 5-11 anni ha superato il 10% con circa 40 mila somministrazioni. La fascia 12-19 anni è all’80% con oltre 341 mila somministrazioni. Con le terze dosi abbiamo superato il 42% degli adulti con oltre 2 milioni di somministrazioni effettuate”. Lo comunica in una nota l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato. “Nella prossima settimana è atteso l’arrivo dei farmaci anticorpi monoclonali per via orale – aggiunge – le modalità di reclutamento e i centri prescrittori sono i medesimi degli anticorpi ad infusione”. Nel Lazio sono state superate le 11 milioni di somministrazioni e di queste 2 milioni sono dosi di richiamo. Superato il 96% di adulti che ha ricevuto la doppia dose e il 90,5% degli over 12 sempre in doppia dose. Riguardo al vaccino antinfluenzale, sono state somministrate oltre 1 milioni e 170 mila dosi e già distribuiti oltre 1 milione 360 mila vaccini ai medici di medicina generale, ai pediatri e alle farmacie. Sono attivi nella campagna ad oggi 3.972 medici di medicina generale e 384 pediatri di libera scelta e circa 800 farmacie”.

In Friuli Venezia Giulia 1188 nuovi contagi e 3 decessi

Oggi in Friuli Venezia Giulia su 4.282 tamponi molecolari sono stati rilevati 1.143 nuovi contagi, con una percentuale di positività del 26,69%. Sono inoltre 1.057 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 45 casi. Lo ha comunicato il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute Riccardo Riccardi. Nella giornata di oggi si registrano 3 decessi che fanno salire il totale delle vittima da inizio pandemia a 4.228: due triestini di 88 e 68 anni e un uomo di 67 di Rovereto. Le persone ricoverate in terapia intensiva rimangono 28 e i pazienti ospedalizzati in altri reparti sono 298. I totalmente guariti sono 140.268, i clinicamente guariti 343, mentre le persone in isolamento sono 14.440. Dall’inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 159.605 persone con la seguente suddivisione territoriale: 38.550 a Trieste, 66.463 a Udine, 33.045 a Pordenone, 19.238 a Gorizia e 2.309 da fuori regione. Il totale dei positivi è stato ridotto di due unità a seguito di un test rapido non confermato dal successivo tampone molecolare e un test positivo rimosso dopo revisione del caso. Per quanto riguarda il Sistema sanitario regionale, sono state rilevate le seguenti positività: nell’Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina 1 assistente sociale, 1 infermiere, 2 medici, 1 operatore socio sanitario 1 tecnico; nell’Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale 1 medico, 3 infermieri e 1 operatore socio sanitario; nell’Azienda sanitaria Friuli Occidentale 1 medico. Infine, relativamente alle residenze per anziani del Friuli Venezia Giulia, si registrano 12 contagi tra gli operatori (Pradamano, Tolmezzo, Ronchi dei Legionari, Ampezzo, Martignacco, Aiello e Trieste) e cinque casi tra gli ospiti (Trieste, Latisana, Tolmezzo, Gorizia, San Canzian d’Isonzo).

In Sardegna 675 nuovi positivi e 2 decessi

In Sardegna si registrano oggi 675 ulteriori casi confermati di positività al COVID, sulla base di 3047 persone testate. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 5538 tamponi. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 17 ( 2 in più di ieri), 159 (17 in più di ieri) quelli in area medica sono. Si registra, infine, il decesso di 2 pazienti: un uomo di 68 anni e uno di 72, entrambi residenti nella provincia del Sud Sardegna.

In aggiornamento