Convocazione Parlamento è in Gazzetta Ufficiale: il 24 gennaio verrà scelto il successore di Mattarella

Ascolta l'audio-articolo

Quirinale, il presidente della Camera dei deputati ha fissato la data per scegliere il successore di Mattarella. Fissata per lunedì 24 gennaio, la convocazione in Parlamento è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale.

convocazione Parlamento 24 gennaio
pubblicata in Gazzetta la convocazione in Parlamento, fissata al 24 gennaio (foto di archivio) – meteoweek.com

Nella giornata di ieri, 4 gennaio, il presidente della Camera dei deputati, Roberto Fico ha convocato per il giorno lunedì 24 gennaio, alle ore 15:00, il Parlamento in seduta comune per l’elezione del presidente della Repubblica. L’avviso di convocazione è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale. Le Regioni hanno ricevuto la lettera affinché decidano quali delegati andranno a formare i 1.008 grandi elettori, il cui compito sarà quello di eleggere il prossimo capo di Stato.

Data fissata al 24 gennaio

La convocazione del Parlamento in seduta comune per l’elezione del presidente della Repubblica, in programma il 24 gennaio, è stata inserita in Gazzetta Ufficiale. Dopo una consultazione con il presidente del Senato della Repubblica, Maria Elisabetta Alberti Casellati, Fico ha inviato la lettera alle Regioni, affinché le elezioni si svolgano con la partecipazione dei delegati regionali. “La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica sono convocati, in seduta comune, con la partecipazione dei delegati regionali lunedì 24 gennaio 2022, alle ore 15, con il seguente Ordine del giorno: Elezione del Presidente della Repubblica”, si legge nella nota ufficiale.

LEGGI ANCHE: Carceri, Cartabia: “Una priorità è migliorare la vita di chi ci vive e lavora”

Come spiegato dall’AGI, il 24 gennaio si svolgerà una unica e prima votazione. Starà poi al presidente Fico, nella conferenza congiunta che si riunisce alla vigilia del primo voto insieme ai capigruppo di Camera e Senato, decidere come procedere con le successive votazioni. Le alternative sono infatti due: si potrà mantenere lo schema di scrutinio unico al giorno, o eventualmente valutare il passaggio al sistema di due votazioni.

LEGGI ANCHE: Tim, sindacati: «Metteremo in campo iniziative indispensabili per imprese e settore»

I tempi, stima l’AGI, saranno comunque piuttosto lunghi. Si parla infatti di almeno 5-6 ore, dato che la situazione attuale non permette sconti sulle restrizioni anti-contagio. La procedura di votazione, infatti, si svolgerà con un appello nominale suddiviso per scaglioni, realisticamente suddivisi per orario. Dovrà poi essere considerato il tempo tecnico per scrivere il nome sulla scheda e il tempo necessario per lo spoglio – sempre tutto nel rispetto delle misure di sicurezza, cercando di evitare il più possibile assembramenti.