Ikea contro i no vax: non pagherà gli stipendi dei dipendenti in quarantena

Ascolta l'audio-articolo

Niente stipendio per chi si trova in isolamento e non si è sottoposto al vaccino. L’azienda ha problemi di personale

Ikea ha annunciato il pugno duro contro i propri dipendenti che scelgono di non vaccinarsi. In Gran Bretagna la nota azienda specializzata nella vendita di mobili, complementi d’arredo e altra oggettistica per la casa, ha fatto sapere che ridurrà l’indennità di malattia per coloro che dovranno sottoporsi in quarantena per avere contratto il Covid e non sono vaccinati. Parliamo di circa 10mila lavoratori nel Paese.

LEGGI ANCHE: Brahmadeo Mandal, l’84enne con 11 dosi di vaccino: “Mai stato così bene”. Ora rischia l’arresto

I colleghi completamente vaccinati o quelli con circostanze attenuanti riceveranno lo stipendio intero durante l’autoisolamento – fa sapere Ikea in un comunicato stampa -. I colleghi non vaccinati saranno pagati in linea con la nostra politica aziendale sull’assenza per l’autoisolamento”. Da diverso tempo Ikea lamenta problemi dovuti al poco personale a disposizione, una carenza dovuta alla enorme diffusione del Covid nel Regno Unito, e in particolare della variante Omicron, di questi mesi.