Ali El Jajaoui, l’uomo che ha tentato di salvare Rayan: ha scavato a mani nude per ore

Ascolta l'audio-articolo

Non ce l’ha fatta il piccolo Rayan, è morto ieri sera, dopo quattro giorni nel pezzo. È deceduto a causa delle ferite riportate dopo la caduta. Un uomo in particolare si è adoperato per tentare di salvarlo, Ali El Jajaoui.

Ali El Jajaoui, ha scavato a mani nude per ore. È stata sua l’idea del tunnel tra il cratere e il punto in cui si trovava il piccolo. Quando ha saputo della tragedia, Ali El Jajaoui si è messo subito in cammino dal suo villaggio per offrire il suo aiuto, come esperto, nello scavo dei pezzi, lui è uno specialista in perforazioni e viene da Erfoud, nel sud del Marocco.

L’idea del tunnel

Il tunnel, creato tra il cratere e il punto in cui si trovava Rayan, è stata un’idea di Ali El Jajaoui e quando i bulldozer se ne sono andati, insieme ad altri tre uomini, Ali ha scavato a mano per delle ore. L’uomo è entrato nel cratere venerdì e ne è uscito sabato. Un tentativo assai delicato, poiché la roccia, che era l’ultimo ostacolo a frapporsi tra i soccorsi e il piccolo Rayan, poteva cedere, travolgendo sia i soccorritori che il bimbo.

LEGGI ANCHE > Trovata misteriosa variante di Covid-19 nelle fogne di New York

Ali El Jajaoui, veniva acclamato dalla folla ogni qual volta che si affacciava per bere o riposare. È diventato noto in tutto il Marocco. Nonostante il suo prezioso supporto, il bimbo non ce l’ha fatta. La triste vicenda aveva tenuto con il fiato sospeso tutto il mondo.