Ucraina, Guterres: “Cessate il fuoco immediato. Tornare al dialogo, serve soluzione pacifica”

Ascolta l'audio-articolo

Conflitto Ucraina-Russia, il segretario generale delle Nazioni Unite Guterres: “Cessate il fuoco immediato. Bisogna tornare sulla strada del dialogo, serve trovare una soluzione pacifica”. 

Ucraina, Guterres Cessate il fuoco immediato - meteoweek 20220223
Ucraina, Guterres: “Cessate il fuoco immediato” – meteoweek.com

Gli ultimi sviluppi in Ucraina stanno testando “l’intero sistema internazionale”, ha affermato nella giornata di martedì il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, in conferenza stampa. E ha aggiunto: “Dobbiamo superare questo test”. Le Nazioni Unite, però, chiedono anche il  “cessate il fuoco immediato” nell’Ucraina orientale, area del Paese dove sono localizzate le autoproclamate repubbliche di Donetsk e Lugansk (riconosciute come indipendenti dal Cremlino nella giornata di lunedì). “In questo momento critico, chiedo un cessate il fuoco immediato e il ripristino dello stato di diritto“, ha dichiarato Guterres, volato d’emergenza a New York dopo aver sospeso una visita nella Repubblica Democratica del Congo proprio a causa dell’escalation del conflitto Ucraina-Russia.

“Bisogna tornare sulla strada del dialogo e del negoziato”

Il nostro mondo sta affrontando la più grande crisi globale di pace e sicurezza degli ultimi anni, certamente durante il mio mandato di Segretario generale”, ha affermato. Dopo aver interrotto in via emergenziale una visita all’estero che includeva “un vertice molto importante dei leader africani”, il leader delle Nazioni Unite ha spiegato ai giornalisti che “stiamo affrontando un momento che speravo sinceramente non arrivasse mai”. Guterres è tornato di corsa al quartier generale delle Nazioni Unite, a New York, “profondamente turbato dagli ultimi sviluppi riguardanti l’Ucraina”. Ha evidenziato un aumento delle violazioni del “cessate il fuoco”, con il rischio sempre più reale “di un’ulteriore escalation sul campo”.

LEGGI ANCHE: Ucraina, l’ambasciatrice Usa all’ONU: “Invio di forza di pace è primo passo dell’invasione”

“Voglio essere chiaro: la decisione della Federazione Russa di riconoscere la cosiddetta ‘indipendenza’ di alcune aree delle regioni di Donetsk e Luhansk è una violazione dell’integrità territoriale e della sovranità dell’Ucraina”, ha precisato l’alto funzionario delle Nazioni Unite sempre durante la conferenza stampa. E ha poi ribadito che una tale misura unilaterale “non solo è in conflitto diretto con i principi della Carta delle Nazioni Unite, ma è anche in contrasto con la cosiddetta Dichiarazione sulle relazioni amichevoli dell’Assemblea generale”, che la Corte internazionale di giustizia ha più volte citato come rappresentante del diritto internazionale.

LEGGI ANCHE: Ucraina, Johnson annuncia sanzioni contro la Russia: “In caso di invasione faremo molto di più”

La Carta delle Nazioni Unite non è un menu à la carte“, ha evidenziato Guterres, e la Russia deve “applicare tutti gli articoli” per quanto riguarda l’Ucraina. Il riconoscimento da parte di Mosca della “cosiddetta indipendenza” delle zone separatiste, in questo senso, è stata “una violazione dell’integrità territoriale e della sovranità dell’Ucraina” e “un colpo mortale per gli accordi di Minsk”. Il leader delle Nazioni Unite fa comunque appello alla “moderazione e alla ragione”, evidenziando ancora una volta la necessità di una “de-escalation” ed esortando tutti ad “astenersi da azioni e dichiarazioni che porterebbero questa situazione pericolosa oltre il baratro”. “È giunto il momento di tornare sulla strada del dialogo e del negoziato. Dobbiamo radunarci e affrontare insieme questa sfida per la pace e per salvare il popolo ucraino (e non solo) dal flagello della guerra”, ha affermato Guterres, che non cederà “nella ricerca di una soluzione pacifica“.