Rilasciata la giornalista russa arrestata dopo il blitz al telegiornale [VIDEO]

Ascolta l'audio-articolo

Una multa, poi il rilascio. Tutti coloro che temevano per l’incolumità della giornalista russa che lunedì sera ha fatto un blitz al telegiornale di Canale 1 per dire no all’invasione dell’Ucraina, possono tirare un sospiro di sollievo… Almeno per il momento. Secondo quanto si è appreso infatti la giornalista, immediatamente arrestata, è stata solo multata e poi rilasciata. “Solo noi abbiamo il potere di fermare questa pazzia, non abbiate paura, non possono arrestarci tutti”, aveva osato dire in un video diffuso subito dopo la sua comparsa alle spalle della conduttrice del tg.

È stata accusata di “organizzazione di un evento pubblico non autorizzato” la giornalista russa che lunedì sera è comparsa alle spalle della conduttrice che telegiornale di Canale 1 con un cartello che recitava: “No alla guerra”. Stando a quanto riferito dal suo avvocato, con tanto di foto dimostrativa su Telegram, dopo l’arresto la giornalista ribelle è stata portata nel tribunale di Mosca.

LEGGI ANCHE: Guerra in Ucraina: per Kiev l’invasione russa finirà entro i primi di maggio

Ora dovrà rispondere all’accusa di organizzazione di un evento pubblico non autorizzato pagando una sanzione amministrativa che potrebbe arrivare fino a 30 mila rubli, ovvero circa 200 euro, svolgendo un incarico di servizio alla comunità, oppure restando fino a 10 giorni in carcere.

giornalista russa 20220315 meteoweek.com
Rilasciata la giornalista russa arrestata dopo il blitz al telegiornale [VIDEO] – www.meteoweek.com
La giornalista dunque non è stata accusata del reato di pubblicazione di informazioni false sull’esercito russo, per cui la pena massima prevista è di 15 anni di detenzione. Nel frattempo le istituzioni internazionali si stanno interessando al suo caso, per far sì che non subisca conseguenze gravi per il suo gesto.

LEGGI ANCHE: Ucraina, Zelensky: “Dobbiamo ammetterlo, non entreremo nella Nato”

L’Onu ha chiesto alle autorità russe di non vendicarsi contro di lei, l’Unione europea ha elogiato il suo coraggio nell’esprimere opposizione a questa guerra. Persino Leonid Volkov, vicino al dissidente russo Navalny avvelenato nel 2020, in un tweet si è detto “pronto a pagare qualsiasi multa” per la giornalista arrestata.