Ucraina, Mosca: rischio guerra tra Usa e Russia per le armi a Kiev

Ascolta l'audio-articolo

Arriva un altro avvertimento all’Occidente. Questa volta a parlare è un alto diplomatico. È l’ambasciatore russo in America.

Che avverte: mandare armi all’Ucraina rischia di portare a un confronto diretto tra Russia e Occidente.

L’Occidente manda armamenti e munizioni all’Ucraina. Ma è un gioco pericoloso. Dopo Karaganov, arriva un altro avvertimento agli stati occidentali. Lo manda l’ambasciatore russo negli Stati Uniti, Anatoly Antonov. In una intervista a Newsweek il diplomatico russo ha detto che le spedizioni di armi alla resistenza ucraina portano a un «ulteriore spargimento di sangue», oltre a essere «pericolose e provocatorie».

L’ambasciatore russo negli Stati Uniti, Anatoly Antonov – Meteoweek

Ma ben peggio, rischiano di condurre «gli Stati Uniti e la Federazione Russa sulla via del confronto militare diretto». Antonov poi punta il dito sulla «mancanza di volontà del regime di Kiev di fermare il genocidio dei russi». È stata questa la causa che ha spinto Mosca a invadere il paese, ha detto l’ambasciatore russo.

Una guerra del resto che non è iniziata oggi, fa notare Antonov. Per lui bisogna infatti risalire al 2014, quando la rivoluzione di Euromaidan spodestò il governo filorusso sostituendolo con uno filoccidentale. Da qui la ricerca ucraina di legarsi più strettamente alla Nato e alla Ue. Questa ricerca però ha fatto precipitare le cose, dato l’ovvio «desiderio degli Stati membri della Nato di utilizzare il territorio di uno Stato vicino per stabilire un punto d’appoggio nella lotta contro la Russia», ha aggiunto l’ambasciatore.