Militari russi al confine: Finlandia e Svezia accelerano l’ingresso nella Nato

Ascolta l'audio-articolo

I due paesi sono preoccupati dalla presenza di carri armati schierati dalla Russia sul confine con la Finlandia, per questo motivo potrebbero presto abbandonare la posizione di neutralità ed entrare nell’Alleanza Atlantica. 

Mezzi militari con l’insegna Z, il simbolo dell’invasione russa in Ucraina, sono stati avvistati nella zona vicina al confine tra Russia e Finlandia, un’immagine che ha scatenato la paura nei finlandesi di un’incursione nel Paese da parte dell’esercito di Vladimir Putin.

Nel video girato da un’emittente televisiva, si vedono carri armati e mezzi di trasporto russi spostarsi in mezzo alle automobili nella zona di Vyborg, vicino San Pietroburgo. Secondo fonti giornalistiche, anche la Finlandia starebbe spostando forze militari sul confine per tutelarsi.

La Finlandia è vicina all’abbandonare la sua posizione storica di neutralità per entrare nella Nato, fatto su cui il leader russo ha sempre minacciato ripercussioni. Putin non vuole che l’Alleanza Atlantica possa avere un paese aderente che confini con la Russia, questo infatti è uno dei motivi principali dell’invasione nei confronti dell’Ucraina.

Non solo la Finlandia, anche la Svezia vuole chiedere l’ingresso nella Nato per sentirsi militarmente tutelata in caso di avanzata verso nord dell’esercito russo. Sanna Marin, prima ministra finlandese, ha dichiarato in una conferenza stampa che il Paese deciderà definitamente entro poche settimane. Alla conferenza era presente anche la premier svedese.

PREOCCUPANO LE MINACCE RUSSE

Marin ha aggiunto che “La Russia è il nostro vicino. Abbiamo un lungo confine con loro e vediamo come si comportano in Ucraina adesso. È una guerra in Europa che non volevamo accadesse, ma ora purtroppo è così. Pertanto, dobbiamo ovviamente porci la domanda su come possiamo fare in Finlandia per evitarlo. Ci sono ovviamente diversi rischi per i quali dobbiamo essere pronti. Le minacce provenienti dalla Russia come attacchi informatici, ibridi e così via devono ovviamente essere prese in considerazione“.

“SEGUIREMO LA DECISIONE DELLA FINLANDIA”

Per la premier svedese Magdalena Anderssonci sono argomenti da analizzare con molta attenzione” per l’adesione della Svevia alla Nato. “Bisogna soppesare tutti i pro e i contro. Allo stesso tempo, non vedo alcun motivo per rinviare la decisione. Avremo le elezioni a settembre e dobbiamo anche essere in grado di concentrarci su questo”. E ha aggiunto chesarà importante per la Svezia la scelta della Finlandia in questa materia: la scelta di rotta che farà la Finlandia ovviamente ci influenzerà”.