Per Zelensky la Russia vuole falsificare il referendum su Kherson

Ascolta l'audio-articolo

Per il leader ucraino i russi stanno utilizzando i dati della popolazione per taroccare il referendum che sancirebbe l’indipendenza di alcune regioni dell’Ucraina. 

Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky accusa la Russia di voler falsificare i risultati del referendum per l’indipendenza nelle regioni meridionali occupate di Kherson e Zaporizhzhia, così come accaduto già otto anni fa in Crimea.

Lo fa attraverso un video messaggio postato sui suoi profili social in cui esorta gli abitanti di quelle zone a porre molta attenzione al tipo di informazioni che forniscono ai russi. “Se vi chiedono di compilare questionari o lasciare i dati del vostro passaporto, sappiate che questo non vi aiuta“.

Questo è teso a falsificare un presunto referendum sulla vostra terra, se arrivasse da Mosca l’ordine di fare questa messinscena” afferma il leader ucraino, il quale sostiene che il tentativo di creare una Repubblica popolare di Kherson non avrà successo.

Alla fine del suo discorso si rivolge direttamente al popolo russo: “Se quando vuole una nuova annessione questa porterà solo a nuove potenti sanzioni alla Russia, che renderanno il vostro Paese così povero come non lo è stato dai tempi della guerra civile del 1917, quindi è meglio ora cercare la pace” ha concluso Zelensky.