Mega rissa tra ragazzi in pieno giorno: panico e feriti

Alcuni giovani sono rimasti lesionati, si parla di uno di loro accoltellato. Commessi anche atti di vandalismo

Una maxi rissa è occorsa lo scorso 2 giugno a Peschiera del Garda, tra alcuni ragazzi. La rissa sarebbe stata causata da ragazzi che si erano dati appuntamento tramite social.

Maxi rissa-meteoweek.com

Da quanto si apprende dalla sindaca del posto, avrebbe avuto luogo anche un accoltellamento e atti di vandalismo. Orietta Gaiulli, primo cittadino, spiega che «il primo anno erano 200, quello dopo 500 e ieri duemila». La donna spiega che i ragazzi conoscevano in anticipo il luogo del ritrovo, poiché in quell’area avrebbero organizzato un party con musica trap. Ma la festa si è trasformata in una maxi rissa che sarebbe scaturita dal furto di un portafogli.

Un frangente della rissa è stato filmato in un video postato su Tik Tok. La polizia è dovuta intervenire, per riportare le cose a posto. Tantissimi i ragazzi identificati, come racconta la polizia tramite alcune fonti. Molti dei giovani sono minorenni, giunti dalla provincia di Verona ma anche da altre zone del Veneto e della Lombardia. Tra le ipotesi di accusa, cui si potrà procedere solo dopo denuncia da parte delle parti lese, rissa aggravata e danneggiamenti.

Alcuni dei giovani sono saliti sopra le auto parcheggiate, e nel corso dei disordini molti locali hanno chiuso. «Siamo molto preoccupati, perché episodi come questo sono già successi in passato, ma soprattutto lo siamo per il numero di giovani coinvolti e in particolare perché il tam tam sui social ha annunciato un nuovo assalto per oggi», spiega all’Ansa il sindaco di Castelnuovo del Garda, Domenica Dal Cero. Molti dei ragazzi coinvolti non avevano documenti. Nel frattempo, il prefetto di Verona, nel caso in cui vi sua un nuovo raduno, ha comunicato che rafforzerà i presidi di sicurezza.

Ragazze molestate su un treno

treno-meteoweek.com

Intanto, sempre il 2 giugno scorso, sei ragazze, amiche tra loro, tra i 16 e i 17 anni, hanno vissuto momenti di panico a bordo del treno regionale 2640 che da Peschiera del Garda (Verona) doveva condurle a Milano dopo essere state una giornata a Gardaland.

Come riporta Il Giorno, le ragazze hanno subìto molestie sessuali per diversi minuti da un gruppo di giovani:«Eravamo circondate. Il caldo era asfissiante, alcune di noi sono svenute. Mentre cercavamo un controllore avanzando a fatica lungo i vagoni» c’è stata la molestia.

Le ragazze hanno raccontato che i giovani, nordafricani, ridevano dicendo:«Le donne bianche qui non salgono». Giovedì, verso le ore 18, la stazione di Peschiera del Garda, rammentano, sono stati prese d’assalto «da oltre un centinaio di ragazzi e anche qualche ragazza, la maggior parte nordafricani, della nostra età o poco più grandi. Urlavano e correvano. Hanno anche sputato sui finestrini di un treno arrivato prima del nostro». Come riporta il giornale, forse, si trattava di giovani facenti parte della folla che nel corso della giornata si era recata in spiaggia a Peschiera, forse attratta da un filmato che girava su TikTok sponsorizzando una sorta di raduno per il 2 giugno.

Nel corso dell’evento la maxi rissa di cui sopra, in cui è dovuta intervenire la polizia in tenuta antisommossa. Le ragazze molestate sul treno, non hanno contattato le forze dell’ordine per timore di essere picchiate ma hanno telefonato ai genitori che lamentano:«Abbiamo chiamato noi il 112 ma nessuno è intervenuto». Un ragazzo ha aiutato le sei giovani a scendere dal treno alla fermata seguente, a Desenzano. Ieri hanno denunciato l’accaduto alla Polfer di Milano.