Flop referendum giustizia: quorum lontano, meno del 23% alle urne

Stando agli exit poll e alle prime proiezioni, a votare per i cinque quesiti referendari sarebbe andata una percentuale di elettori tra il 19% e il 23% degli aventi diritto.

Molto lontano il quorum per dare validità al referendum, malgrado gli appelli delle istituzioni all’esercizio del diritto-dovere di voto.

Meno della metà degli elettori avrebbe votato domenica per il referendum sulla giustizia. Stando ai primi exit poll, meno del 23% degli aventi diritto sarebbe andato alle urne. Una soglia che non arriva nemmeno alla metà di quella richiesta, il 50% più uno dei potenziali elettori. I risultati degli exit poll elaborati da Opinione per la Rai riportano una percentuale di votanti compresa tra il 19% e il 23%.

Alle 19 l’affluenza definitiva per il referendum sulla legge Severino si attestava, secondo i dati del Viminale, al 14,84%. Molti simili le affluenze degli altri quattro referendum.

Calderoli: una sconfitta secca

Roberto Calderoli, vice presidente leghista del Senato – Meteoweek

Roberto Calderoli, vice presidente leghista del Senato, ha preso atto della sconfitta al referendum: “I numeri che abbiano davanti sono abbastanza evidenti credo non possono essere ribaltati”. “Abbiamo perso, non ci sono storie”. ha riconosciuto Calderoli. È mancato il quorum ma, aggiunge Calderoli, va notato che “i ‘siì sono largamente prevalenti anche nei due quesiti più ostici, superano il 50%, e in alcuni quesiti si è sfiorato il 70%“.