Il presidente della casa farmaceutica PharmaMar indagato per corruzione: avrebbe finto di vaccinarsi

La polizia spagnola ha sgominato una rete di personaggi illustri che hanno pagato per fingere di vaccinarsi. Tra di loro anche il presidente di Pharma Mar. 

Edward Jenner è considerato il padre dell’immunologia moderna. È stato lui a creare il primo vaccino al mondo, sancendo uno spartiacque storico nella storia della medicina. 

In un tributo alla sua memoria, la polizia spagnola ha chiamato una delle sue ultime indagini investigative “Operazione Jenner”, nome in codice di un’inchiesta che ha portato alla luce l’esistenza di una vasta rete di personaggi famosi che, dietro pagamento, sono riusciti ad entrare nel registro nazionale dei vaccinati senza però essersi mai sottoposti a questo trattamento sanitario. 

Ansa

C’è un nome finito nel registro degli indagati della polizia spagnole in questa inchiesta, che fa parecchio rumore. Si tratta di Jose Maria Fernandez, presidente di uno dei più grandi colossi farmaceutici al mondo, la PharmaMar. Secondo quanto ha riferito il quotidiano Sings Of The Times, la polizia spagnola ha confermato che l’uomo è accusato di frode allo stato: sarebbe riuscito a farsi iniettare una soluzione salina al posto del vaccino contro il Covid, pagando migliaia di dollari per vedere poi il suo nome inserito nel registro nazionale degli immunizzati. 

In tutto, l’operazione Jenner ha portato all’arresto di sette persone sei mesi fa, anche se la notizia ha acquisito un eco internazionale soltanto nelle ultime settimane. Più di duemila le persone sospettate di aver preso parte a questa truffa, e la raccolta di prove a loro carico è ancora in corso. L’indagine infatti non si è ancora fermata. A rendere possibile questa truffa è stata un’infermiera che si occupava di inserire i dati dei cittadini nel Sistema Sanitario Nazionale. Insieme a lei ha collaborato anche un uomo che lavorava come assistente infermieristico all’Ospedale UNiversitario di La Paz, e adesso è accusato di aver iscritto oltre duemila persone in questo registro con l’inganno e certificando la loro presunta vaccinazione.

L’uomo è stato arrestato e si trova attualmente sotto la custodia della polizia spagnola. 

Un’indagine che fa sicuramente riflettere, in particolar modo perchè ad aggirare la legge e a fare di tutto per non vaccinarsi, è stato un uomo simbolo della farmacologia mondiale.

Il motivo di tanta diffidenza da parte di Fernandez non ci è dato saperlo. 

La notizia arriva oltretutto in un momento poco felice per i produttori dei vaccini, come ha avuto modo di spiegare il Ceo di Moderna Stephane Bancel. Nel corso di un intervento pubblico al World Economic Forum la donna ha infatti spiegati ai presenti che Moderna rischia di buttare via milioni e milioni di dosi di vaccino, perché la popolazione, adesso che sono decaduti gli obblighi, non sembra più volerli. La Bancel ha raccontato di aver contattato diversi governi nell’ambasciata di Washington, ma nessuno si è detto disposto a comprare nuove scorte di dosi.

Ma non solo, perchè nelle scorse settimane il quotidiano Bloomberg ha lanciato un’indiscrezione secondo cui i funzionari europei sono al lavoro per rinegoziare i contratti sui vaccini con Big Pharma.