Davide, papà di 3 figli, scomparso da quattro giorni: la drammatica scoperta

Si allontana in sella alla sua bici, scompare nel nulla il 49enne Davide Zanotto. Papà di 3 figli, non tornava a casa da giorni. Oggi la drammatica scoperta.

Ansia e preoccupazione per la scomparsa di Davide Zanotto, 49 anni, papà di tre figli. Dell’uomo si erano perse le tracce a partire da domenica sera, 12 giugno. Uscito in sella alla sua city bike, si era allontanato verso le 20 dalla sua abitazione, per non farvi più ritorno. La scomparsa è avvenuta a Cusinati di Tezze sul Brenta (Vicenza).

scomparsa di Davide Zanotto - meteoweek 20220616
scomparsa di Davide Zanotto – meteoweek.com

Preoccupata sua moglie, un’insegnante delle scuole primarie. Segnalato l’episodio alle forze dell’ordine, l’avviso di scomparsa era stato lanciato anche sui social. Un post condiviso da molte persone, perché in tanto conoscevano Davide. A condividere l’appello anche l’ex deputata e attuale assessore alla sanità regionale Manuela Lanzarin e la protezione civile di Marostica. Oggi, però, la drammatica scoperta.

Passeggia sulle rive del lago, qualcosa galleggia sulle acque

Davide Zanotto, dipendente dell’azienda di impiantistica industriale Bisson, era uscito di casa domenica scorsa, senza portarsi dietro né i documenti né il suo cellulare. Al momento della scomparsa il 49enne indossava una polo bluette e dei pantaloni bermuda blu. Grande appassionato di bicicletta, si era allontanato da casa in sella alla sua city bike, un modello Bianchi nera.  Ma l’uomo era amante anche delle salite in montagna, che generalmente affrontava insieme ai suoi amici e con la sua bici sportiva.

Per giorni i famigliari hanno atteso il suo ritorno a casa. Anche il mondo dei social si è mosso per condividere l’appello, e segnalare la preoccupante notizia. Con le forze dell’ordine sulle sue tracce, e amici, conoscenti e parenti che facevano girare la segnalazione su internet, le ricerche si sono infine concluse.

Nel pomeriggio di oggi, giovedì 16 giugno, una donna che stava passeggiando sulle rive della Busa Giaretta, a Carmignano di Brenta (Padova), ha fatto una drammatica, quanto inaspettata scoperta. Sul pelo dell’acqua un corpo, che galleggiava privo di sensi. Immediato l’allarme lanciato alla forze dell’ordine. Sul posto sono giunti tempestivamente i vigili del fuoco di Cittadella, che hanno provveduto al recupero del cadavere.

Un corpo senza nome, dato che addosso non sono sati ritrovati né documenti né telefono. Ma è bastato poco ai carabinieri per riconoscere la vittima: ad essere stato ripescato dal lago di Camazzole è stato proprio Davide Zanotto. Troppo tardi qualsiasi intervento da parte dei soccorritori del 118. In lutto i famigliari, gli affetti e gli amici tutti. Davide lascia soli, oltre a sua moglie, anche tre bambini piccoli.