Crollo di fiducia nelle banche: gli italiani fuggono dai conti correnti, dove cercano rifugio

Gli italiani stanno fuggendo dai conti correnti, a maggio c’è stato un vero e proprio crollo dei depositi.

Gli italiani stanno fuggendo dai conti correnti e le ragioni sono molteplici.

Pixabay

Il crollo dei depositi bancari che è stato registrato a maggio è veramente notevole ed è importante capire come mai gli italiani stiano fuggendo dal conto corrente e dove cerchino rifugio contro l’inflazione.

Sfiducia nelle banche e paura dell’inflazione

Sicuramente un punto di partenza importante per capire questa fuga dal conto corrente è proprio l’inflazione.

Pixabay

Infatti gli italiani sanno bene che tenere i soldi fermi sul conto corrente può essere una buona idea quando l’inflazione è praticamente nulla ma diventa rischioso quando l’inflazione è molto alta come in questo periodo. Di conseguenza gli italiani cercano rifugio contro l’inflazione ma i classici strumenti di rifugio appaiono piuttosto problematici. Infatti l’oro ultimamente ha perso notevolmente di valore e questo è sicuramente strano in una situazione del genere.

I titoli di stato suscitano perplessità

Ma anche i titoli di stato suscitano qualche apprensione. Il problema è che l’aumento dei tassi deciso delle banche centrali ha reso particolarmente appetibili titoli di Stato che fanno una concorrenza troppo forte all’oro. Tuttavia anche i titoli di stato suscitano delle perplessità perché proprio la politica restrittiva della Banca Centrale Europea rischia di prendere decisamente meno solida la situazione economica dell’Italia e di conseguenza oggi la fiducia nei titoli di Stato appare sicuramente appannata rispetto al passato. Un tempo come strumento di rifugio contro l’inflazione si parlava anche delle criptovalute ma dopo gli ultimi fatti decisamente nessuno pensa più che le criptovalute possano essere un rifugio contro l’inflazione. Dunque gli italiani abbassano la loro presenza sui conti correnti ma non c’è un indirizzo chiaro su un rifugio che sia realmente valido.

I veri beni di rifugio

Oggi anche il mattone è considerato a rischio a causa della temuta stangata sull’IMU ma anche a causa della probabile bolla immobiliare pronta a scoppiare. Infatti col rialzo dei tassi il meccanismo dei mutui potrebbe incepparsi e molti temono uno scoppio come nel 2008. Insomma tanti dubbi e l’invito non può che essere quello alla prudenza ed alla diversificazione.